Nino Di Paolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nino Di Paolo
19 agosto 1946 - vivente
Nato a Cansano
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Guardia di Finanza
Anni di servizio 1965 - oggi
Grado Generale di corpo d'armata
Comandante di
  • Nucleo Centrale Polizia Tributaria (Roma)
  • I Reparto del Comando Generale
  • Comando Regionale Campania
  • Comando Interregionale Italia Centro Settentrionale
  • Guardia di Finanza
Studi militari Accademia della Guardia di Finanza
Scuola di Polizia Tributaria
Pubblicazioni Ellis Island, Storia versi e immagini dello sradicamento (2007)
Altro lavoro docente a contratto presso Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"

gdf.it/Comandante generale

voci di militari presenti su Wikipedia

Nino Di Paolo (Cansano, 19 agosto 1946) è un generale italiano, Comandante generale della Guardia di Finanza dal 2010 al 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965 frequenta l'Accademia della Guardia di Finanza. Percorre tutti i gradi fino alla nomina nel 1997 a generale di brigata. Generale di Corpo d'armata nel 2005, il 15 settembre 2008 è nominato Comandante in seconda della Guardia di Finanza.[1]

Il 10 giugno 2010 è nominato dal consiglio dei Ministri comandante generale, primo proveniente dal Corpo e si è insediato il 23 giugno.[2] Ha ricoperto l'incarico fino al 22 giugno 2012 sostituito dal generale Saverio Capolupo.[3]

Il generale Di Paolo ha 5 lauree: in giurisprudenza, scienze politiche, scienze della sicurezza economico finanziaria alla Sapienza, economia e commercio a Bergamo e scienze internazionali e diplomatiche a Trieste.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 28 febbraio 2011[4]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 2 giugno 1997[4]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 2 giugno 1993[4]
Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 18 febbraio 1992[4]
Medaglia Mauriziana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana
Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni)
Croce d'oro per anzianità di servizio nella Guardia di Finanza - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio nella Guardia di Finanza

Successione[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante generale della Guardia di Finanza Successore CoA Guardia di Finanza.svg
Cosimo D'Arrigo 23 giugno 2010 - 22 giugno 2012 Saverio Capolupo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cansanonelmondo.it
  2. ^ gdf.it
  3. ^ D.P.R. 18 giugno 2012.
  4. ^ a b c d Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie