Nino Camus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nino Camus pseudonimo di Giovanni Camusso, (Torino, 23 giugno 1910Milano, 11 marzo 1947) è stato un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Molto attivo negli anni trenta e quaranta[1] collaborò con le maggiori riviste antifasciste dell'epoca in qualità di caricaturista e vignettista, quali: il Bertoldo, il Marc'Aurelio, il Candido, il Becco giallo, il Travaso, il Pasquino e produsse autonomamente Pam il Partigiano[1] editore Il Cucciolo (1945)splendido e innovativo fumetto sulla Resistenza. Ha realizzato fotoromanzi per Grand'Hotel e illustrazioni per le prestigiose copertine di Tribuna Illustrata. È stato anche prolifico vignettista sulla Domenica del Corriere. Partito da Torino nel '39 e giunto a Milano, per realizzare per il film cartone animato 'La rosa di Baghdad' vi è poi rimasto impiegato durante la guerra presso la Caproni quale progettista e disegnatore di aerei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Da Il Sole 24 Ore