Ninja Gaiden 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ninja Gaiden 3
Ninja Gaiden 3.jpg
Sviluppo Team Ninja
Pubblicazione Tecmo Koei
Ideazione Yōsuke Hayashi
Serie Ninja Gaiden
Data di pubblicazione Giappone 22 marzo 2012
Flag of the United States.svg 20 marzo 2012
Zona PAL 23 marzo 2012
Genere Avventura dinamica
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Playstation 3, Xbox 360
Supporto Blu-ray Disc e DVD
Fascia di età BBFC: 18
CERO: D
ESRB: M
PEGI: 18+
Periferiche di input Sixaxis, DualShock 3, PlayStation Move
Preceduto da Ninja Gaiden II

Ninja Gaiden 3 è un gioco d'azione della serie Ninja Gaiden, sviluppato dal Team Ninja. È il sequel di Ninja Gaiden II ed è anche il primo gioco della serie ad essere sviluppato senza la supervisione di Tomonobu Itagaki, leader storico di Team Ninja. Il gioco esplora il lato umano ed oscuro di Ryu. La trama ruota attorno alla spada dell'Arcidiavolo del precedente capitolo.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ninja Gaiden 3 vedrà ancora una volta in azione Ryu Hayabusa, come personaggio principale. Anche se il suo vestito di pelle nera da due precedenti capitoli farà un'altra comparsa, Ryu è stato visto con una nuova tuta blu metallizzato in immagini recenti. Inoltre sono visibili alcune modifiche apportate dagli sviluppatori al costume. Le dita dei piedi sono ora ricoperte di metallo, presumibilmente utilizzato per la nuova mossa Kunai Climb. Inoltre, il braccio destro di Ryu fu maledetto in Ninja Gaiden II. Questo avrà un ruolo fondamentale nella storia del gioco, e per questo, lui non porta più il suo bracciale destro.

Nella demo di gioco presentata all'E3 2011 si scopre che Ryu ha ricevuto una richiesta dal Ministero della Difesa giapponese. Viene allora inviato a Londra dove combatte dei terroristi. Un avversario misterioso incappucciato appare alla fine del trailer, dicendo a Ryu di "aprire gli occhi". Nel video Gamespot, si scopre che Ryu riceve una richiesta dal giapponese Self-Defense Force, il Ministero degli Affari Esteri. Egli viene inviato a Londra dove combatte i terroristi non identificati. In seguito, si trova di fronte un avversario misterioso incappucciato che uccide il primo ministro. Dopo la lotta, l'avversario misterioso dice a Ryu di "aprire i suoi occhi" e la Dragon Sword è assorbita nel suo braccio destro. Ryu sfugge da un bombardamento ed è recuperato dalle Forze di Difesa. Nella scena finale, l'avversario misterioso incappucciato al telegiornale richiedendo la resa di tutti gli stati in 7 giorni, o distruggerà il mondo.

Presentazione del terzo capitolo di Ninja Gaiden

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Ryu ha a disposizione delle nuove mosse, alcune delle quali sono state mostrate nella demo. La prima nuova mossa riguarda la possibilità di lanciarsi da sporgenze di edifici e planare fino a giungere addosso ad un nemico da uccidere con una tecnica aerea. In secondo luogo sono presenti animazioni che, una volta attivate con delle combo, mostreranno da una visuale ravvicinata la katana di Ryu che penetra nel corpo del nemico.

Un'altra novità è la Kunai Climb che permette al protagonista di arrampicarsi sui muri usando dei pugnali come appigli.

Sono scomparse le Statue dei Draghi che permettevano di salvare la partita, così come la statue di Muramasa. Infatti i vari potenziamenti saranno distribuiti automaticamente durante il gioco. Per i salvataggi invece i giocatori devono aspettare l'arrivo di un falco che curerà Ryu e salverà i suoi progressi. La varietà di armi è stata notevolmente ridotta: le uniche armi a disposizione durante il gioco saranno la katana e l'arco.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Johnny Cullen, TGS: Ninja Gaiden 3 announced in Tokyo, VG247, 15 settembre 2010. URL consultato il 12 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi