Ningal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ningal ("La Grande Signora") dea dei canneti e delle paludi, era la consorte del Dio sumero della Luna Nanna, figlia di Enki e di Ningikuga. Madre di Utu dio del Sole (il babilonese Shamash) e di Inanna (la babilonese Ishtar) dea dell'amore, della guerra e della fecondità.

Era venerata nella città di Ur nel tempio E-Karzida.

Come dea della città, appare nelle "Lamentazioni per (la distruzione di) Ur". Storicamente la città fu assediata, conquistata e distrutta da popolazioni "barbare" dalle zone montuose di Elam e Sua, nell'epica il destino della città è voluto dall'ira di Enlil.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Thorkild Jacobsen, The treasures of darkness Yale University Press, London. p. 273 (1976).
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia