Ninan Cuyuchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ninan Cuyuchi (... – Tumibamba, 1526) è stato un principe inca.

Si tratta del principe Inca designato ad ereditare il titolo di Qhapaq Inca (imperatore) alla morte del padre, il sovrano Huayna Capac, deceduto intorno al 1526.

Poco si sa della vita di questo candidato al trono degli Inca e le notizie che ci sono state tramandate sono, spesso, contrastanti e confuse. Sappiamo con certezza che non giunse a consolidare il suo diritto al trono in quanto morì, pochi giorni dopo la sua designazione, in conseguenza dello stesso morbo che aveva colpito il suo augusto genitore e che gli storici moderni identificano come un'epidemia di vaiolo.

L'età di Ninan Cuyuchi, al momento della sua scomparsa, è avvolta nel mistero.
La maggior parte degli scrittori spagnoli dell'epoca hanno raccolto una versione che lo vuole giovanissimo, addirittura un lattante secondo alcuni, e imputano la sua scelta, a erede designato, al delirio di Huayna Capac che, ormai in agonia, non sarebbe più stato in condizioni di intendere e di volere. Secondo questi racconti, il sovrano, sentendosi in fin di vita, avrebbe indicato in Ninan Cuyuchi il suo successore, ma gli emissari inviati a portare la notizia della sua elezione al principe lo trovarono morto e quando riguadagnarono Quito scoprirono che, parimenti, era deceduto Huayna Capac. Il luogo della sua morte ci è ignoto, ma non doveva essere molto lontano da Quito, probabilmente a Tumibamba, dal momento che, secondo quanto risulta, gli emissari dell'Inca morente compirono, in circa tre giorni, il percorso, di andata e ritorno, dal capezzale di Huayna Capac a quello del suo potenziale erede.

Gli autori indigeni delle "Informaciones a Vaca de Castro" sostengono invece che Ninan Cuyuchi, già uomo fatto, sarebbe stato colpito dalla malattia, che doveva essergli fatale, mentre si apprestava a contrastare il fratello Huascar che, padrone del Cuzco stava per impadronirsi del regno.

Non conosciamo con esattezza il lignaggio di Ninan Cuyuchi, ma la madre doveva essere una principessa di sangue reale, altrimenti la sua elezione non sarebbe stata giustificata. Guaman Poma de Ayala la identifica in una nobile del Cuzco, della stirpe Cayac, ma Bernabé Cobo, invece, la riconosce nella principessa Cusirimay, la prima moglie ufficiale di Huayna Capac, il che farebbe di Ninan Cuyuchi il legittimo erede al trono degli Inca.

La sua scomparsa concorse indirettamente a creare i presupposti per le funeste guerre civili che evrebbero insanguinato l'impero degli Inca e lo avrebbero consegnato nelle mani degli invasori spagnoli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cabello Balboa (Miguel) Historia del Perù bajo la dominación de los Incas (1576 -1586) In COL. LIBR. DOC. HIST. PERU (2ª serie tomo II Lima 1920)
  • Cieza de Leon (Pedro de) Segunda parte de la crónica del Peru (1551) In COL. CRONICA DE AMERICA (Dastin V. 6°. Madrid 2000)
  • Cobo (Bernabé) Historia del Nuevo Mundo (1653) In BIBL. AUT. ESP. Tomi XCI, XCII, Madrid 1956
  • Garcilaso (Inca de la Vega) Commentarios reales (1609) Rusconi, Milano 1977
  • INFORMACIONES Declaración de los quipocamayos In COL. LIBR. DOC. HIST. PERU (2ª serie, tomo III, Lima 1921)
  • Murúa (Fray Martín de) Historia general del Peru (1613) In COLL. CRONICA DE AMERICA Dastin V. 20°. Madrid 2001)
  • Poma de Ayala (Felipe Guaman) Nueva coronica y buen gobierno (1584 - 1614) In COL. CRONICA DE AMERICA (Historia 16. V. 29°, 29b, 29c. Madrid 1987)
  • Santa Cruz Pachacuti (Juan Yamqui Salcamaygua) Relación de anteguedades de este reino del Peru (1613) In BIBL. AUT. ESP. (tomo CCIX, Madrid 1968)
  • Sarmiento de Gamboa (Pedro) Segunda parte de la historia general llamada indica (1572) In BIBL. AUT. ESP. (tomo CXXXV, Madrid 1960)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]