Nimotuzumab

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Nimotuzumab
Caratteristiche generali
Massa molecolare (u) g·mol-1
Numero CAS [0828933-51-3]
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione °C
Temperatura di ebollizione °C
Indicazioni di sicurezza

Il nimotuzumab[1] ha vari nomi commerciali: BIOMAb EGFR, della Biocon;[2] o TheraCIM della YM Biosciences[3]; o Theraloc della Oncosciences,[4] CIMAher. Esso è un anticorpo monoclonale chimerico o ricombinante utilizzato per il trattamento in monoterapia dei carcinomi a cellule squamose della testa e del collo e nel astrocitoma maligno e nel glioma recidivante/refrattario ad alto grado.[5] Il nimotuzumab ha un potente effetto antiagiogenetico, antiproliferativo e pro apoptotico nei tumori che sovra esprimono l'EGF-R.

Come il cetuximab, il nimotuzumab si lega al recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR), una proteina di segnalazione che normalmente controlla la divisione cellulare.[6]

In alcuni tipi di tumore, questo recettore è alterato e causa divisione cellulare incontrollata che è uno dei segni distintivi dei tumori. Gli anticorpi monoclonali sono in grado di bloccare l'EGFR e sono capaci di fermare la divisione cellulare incontrollata.[7] La maggior parte gli anticorpi monoclonali sono originariamente create partendo da cellule di topo, ma questo può provocare una reazione immunitaria alle proteine (eterologhe) del topo. Gli anticorpi umanizzati vengono realizzati con parti di proteine di topo e di parti di proteine umane, determinando così minori rischi di anafilassi.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º dicembre 2008 la Oncoscience AG ha notificato ufficialmente al comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’EMEA la sua intenzione di ritirare la domanda di autorizzazione all’immissione in commercio per il medicinale Theraloc per il trattamento dei bambini e degli adolescenti con glioma resistente o recidivante di alto grado. Theraloc precedentemente è stato qualificato come medicinale orfano in data 2 settembre 2004.[1]

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Il Nimotuzumab contiene il 95% di sequenze di anticorpi umani. Ciò permette di ridurre gli effetti negativi, come le eruzioni cutanee, diarrea e la congiuntivite.[8][9]

I principali effetti collaterali sono: tremori, brividi, nausea, vomito, anemia, ipotensione o ipertensione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) www.ema.europa.eu.
  2. ^ (EN) Biocon' cervical cancer drug BIOMAb EGFR in clinical trials in India | DWS Pill Scribe.
  3. ^ (EN) YM BioSciences :: Products :: Nimotuzumab.
  4. ^ (EN) Oncoscience AG.
  5. ^ Ramakrishnan MS, Eswaraiah A, Crombet T, et al., Nimotuzumab, a promising therapeutic monoclonal for treatment of tumors of epithelial origin in MAbs, vol. 1, nº 1, 2009, pp. 41–8, PMC 2715181, PMID 20046573.
  6. ^ Sundvall M, Karrila A, Nordberg J, Grénman R, Elenius K, EGFR targeting drugs in the treatment of head and neck squamous cell carcinoma in Expert Opin Emerg Drugs, vol. 15, nº 2, giugno 2010, pp. 185–201, DOI:10.1517/14728211003716442, PMID 20415599.
  7. ^ Gridelli C, Maione P, Ferrara ML, Rossi A, Cetuximab and other anti-epidermal growth factor receptor monoclonal antibodies in the treatment of non-small cell lung cancer in Oncologist, vol. 14, nº 6, giugno 2009, pp. 601–11, DOI:10.1634/theoncologist.2008-0153, PMID 19482958.
  8. ^ Rivera F, Vega-Villegas ME, Lopez-Brea MF, Marquez R, Current situation of Panitumumab, Matuzumab, Nimotuzumab and Zalutumumab in Acta Oncol, vol. 47, nº 1, 2008, pp. 9–19, DOI:10.1080/02841860701704724, PMID 18097777.
  9. ^ (EN) YM BioSciences :: Products :: Nimotuzumab :: Safety Profile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Nimotuzumab[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]