Nima Arkani-Hamed

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nima Arkani-Hamed

Nima Arkani-Hamed (Houston, 5 aprile 1972) è un fisico teorico statunitense con interessi nella fisica delle alte energie, teoria delle stringhe e cosmologia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si laurea in matematica e fisica all'Università di Toronto e successivamente si trasferisce all'Università della California a Berkeley dove lavora con Lawrence Hall, completando il suo dottorato nel 1997.

Come post-doc a Stanford collabora con il fisico Savas Dimopoulos alla teoria delle dimensioni addizionali grandi, o modello ADD (modello di Arkani-Hamed, Dimopoulos e Dvali), per spiegare la debolezza dell'interazione gravitazionali rispetto alle altre interazioni.

Nel 1999 torna a Berkeley come membro della facoltà di fisica, visitando Harvard durante la primavera del 2001. Lì collabora con Howard Georgi e Andrew Cohen sull'idea di dimensioni emergenti addizionali, nota come decostruzione dimensionale. Queste idee portarono allo sviluppo dei modelli "little Higgs".

Nell'autunno del 2002 diventa ufficialmente membro della facoltà a Harvard e nel 2003 vince la Medgalia Gribov della European Physical Society.

Nel 2008 Arkani-Hamed vice il premio "Raymond and Beverly Sackler" dell'Università di Tel Aviv, istituito per giovani scienziati che abbiano dato contributi eccezionali e fondamentali nella fisica.

Dopo essere stato professore di fisica a Harvard dal 2002 al 2008, ora è membro dell'Institute for Advanced Study.[1]

Dal 2008 comincia a lavorare attivamente su un'alternativa alla standard teoria quantistica dei campi perturbativa. Lo studio si basa sull'uso della Teoria dei twistor, di N=4 Supersimmetria e di N=8 Supergravità. L'idea è di trovare una teoria che non sia legata ai concetti di unitarietà e località manifesti. Questi concetti dovrebbero ancora far parte della teoria in una forma nascosta o comunque non esplicita, e la teoria si focalizzerebbe invece sul calcolo delle ampiezze di probabilità. La località e l'unitarietà emergerebbero naturalmente da questa teoria solo in un secondo momento. Riguardo questi suoi studi, il 4 giugno 2010 ha dichiarato, durante il suo intervento alla Conferenza "Planck 2010" al CERN di Ginevra: "Posso senz'altro dire che questo è l'argomento di ricerca più importante di cui mi sia occupato in tutta la mia vita", e riguardo alla teoria stessa ha dichiarato: "decenni fa Feynman ci ha fatto comprendere l'importanza dello Spaziotempo nella teoria quantistica dei campi, ora è arrivato il momento di sottrarre lo spaziotempo dalla teoria quantistica dei campi e muoverci verso una teoria più completa".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Theoretical Physicist Nima Arkani-Hamed Appointed to the Faculty of the Institute for Advanced Study

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]