Nils Petter Molvær

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Molvær a Neuwied, Germania

Nils Petter Molvær (Norvegia, 18 settembre 1960) è un musicista e compositore norvegese.

È considerato un pioniere del cosiddetto nu-jazz, fusione del jazz con la musica elettronica, mostrata nel suo album best-seller dal titolo Khmer, pubblicato dalla casa discografica ECM nel 1997.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nils Petter Molvaer al Moers Festival 2006, Germania

Molvær è nato e cresciuto nell'isola di Sula in Norvegia, che lasciò a diciannove anni per studiare musica al conservatorio di Trondheim. Si unì al gruppo musicale Masqualero, formato da Arild Andersen, Jon Christensen e Tore Brunborg. Masqualero (che prese il nome da una composizione di Wayne Shorter registrata da Miles Davis) pubblicò parecchi album per la ECM, e Molvær registrò assieme ad altri artisti che facevano capo alla ECM prima del suo debutto con un gruppo da lui diretto con l'album Khmer, nel 1997. Il disco consiste in una fusione di jazz, rock e sfondi sonori di musica elettronica, molto dissimile dal delicato "jazz da camera" tipicamente associato alla ECM [1]. Il suono della tromba di Molvær, talvolta elaborato elettronicamente, deve molto alle sperimentazioni degli anni settanta e ottanta di Miles Davis. Nel 1997 ha vinto lo Spellemannprisen per il miglior album jazz dell'anno.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Masqualero[modifica | modifica wikitesto]

  • 1983: Masqualero
  • 1985: Bande À Part
  • 1987: Aero
  • 1990: Re-Enter

Solo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997: Khmer
  • 2000: Solid Ether
  • 2001: Recoloured (remix)
  • 2002: NP3
  • 2004: Streamer (live)
  • 2005: Remakes (remix)
  • 2005: Er
  • 2005: EDY (Colonna sonora originale)
  • 2008: Re-Vision (Colonna sonora non utilizzata nel film) [1]
  • 2009: Hamada
  • 2011: Baboon Moon

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1990: So I Write (Sidsel Endresen)
  • 1992: Nonsentration (Jon Balke)
  • 1992: Night caller (Rita Marcotulli)
  • 1992: Future song (Marilyn Mazur)
  • 1993: Exile (Sidsel Endresen)
  • 1994: Circular chant (Marilyn Mazur)
  • 1995: Hastening Westward (Robyn Schulkowsky e Nils Petter Molvær)
  • 1995: This is you (Jacob Young)
  • 1996: European voices (Lars Danielsson)
  • 1997: Small Labyrinths (Marilyn Mazur)
  • 1998: Electronique noire (Eivind Aarset)
  • 2000: Undertow (Sidsel Endresen)
  • 2001: Radioaxiom – A Dub Transmission (Bill Laswell e Jah Wobble)
  • 2004: Seafarer's Song (Ketil Bjørnstad)
  • 2005: Electra (Arild Andersen)
  • 2005: Drastic (Michel Benita)
  • 2006: Melange bleu (Lars Danielsson)
  • 2008: Dome (Johannes Enders)
  • 2009: The Night Shines Like The Day (Krystin Asbjornsen)
  • 2010: Quiet Inlet (Food)
  • 2012: Manu Katché (Manu Katché)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo dell'Observer, 18 luglio 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85500652 LCCN: no97023592