Nilotici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nilotici (Niloti)
Nilotici (Niloti)
Zone dove vengono parlate le lingue nilotiche
Luogo d'origine Sudan del Sud Sudan del Sud
RD del Congo RD del Congo
Kenya Kenya
Tanzania Tanzania
Uganda Uganda
Corno d'Africa
Etiopia Etiopia
Eritrea Eritrea
Popolazione 29.493.000
Lingua Lingue nilotiche

Con la definizione popoli nilotici o niloti, nel suo uso contemporaneo, ci si rifrisce ad alcuni gruppi etnici principalmente del Sudan del Sud, Uganda, Kenya, Tanzania settentrionale, Congo e Corno d'Africa, che parlano Lingue nilotiche, un vasto sottogruppo delle Lingue nilo-sahariane. Tra gli altri sono inclusi nei nilotici i gruppi etnici Kalenjin, Luo, Ateker, Dinka, Nuer, Shilluk, Maasai, Karamojong, Turkana e le popolazioni di lingua Maa.[1]

I termini Nilotico e Nilote venivano precedentemente usati come classificazione etnica, basandosi su osservazioni antropologiche della loro diversa morfologia corporea. Queste considerazioni sono state poi ampiamente scartate dagli scienziati,[2] ma oggi sono di nuovo sostenute nella genetica delle popolazioni.[3]

Questi termini sono ormai soprattutto usati per distinguere "le popolazioni nilotiche" da quelle etnicamente vicine (soprattutto bantu), sulla base di affiliazione etnolinguistica. Etimologicamente, i termini nilotico e nilote derivano dalla Valle del Nilo, in particolare l'Alto Nilo ed i suoi affluenti, dove vive la maggior parte dei sudanesi nilo-sahariani. [4]

Sono popoli africani che si erano stabiliti appunto lungo l'alta valle del Nilo, nella parte meridionale del Sudan odierno. Verso l'XI secolo. Molti di questi popoli sono scesi lungo il Nilo ed hanno occupato le terre che ancora oggi abitano. La loro alta statura e la corporatura longilinea servono a favorire la dispersione del calore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Nilotic", The American Heritage Dictionary of the English Language: Quarta edizione.
  2. ^ The Forging of Races Cambridge University Press THE FORGING OF RACES - by Colin Kidd Excerpt
  3. ^ Sarah A. Tishkoff et al.: The Genetic Structure and History of Africans and African Americans
  4. ^ Encyclopædia Britannica Article: Nilot

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]