Nikolaj Vasil'evič Uspenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nikolaj Vasil'evič Uspenskij

Nikolaj Vasil'evič Uspenskij in russo: Николай Васильевич Успенский? (Tula, 18 maggio 1837San Pietroburgo, 21 ottobre 1889) è stato uno scrittore russo.

Cugino di Gleb Ivanovič Uspenskij, legò il proprio nome ai Saggi di vita popolare, del 1858, e altri racconti naturalistici di vigorosa e cupa rappresentazione della miseria e delle brutture della vita contadina.

Dopo alcuni anni di vagabondaggio, pose fine alla propria esistenza con il suicidio.