Nikolaj Vasil'evič Nikitin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nikolaj Vasil'evič Nikitin o Николай Васильевич Никитин in cirillico (2 dicembre del calendario giuliano[1]; Tobol'sk, 15 dicembre 1907Mosca, 3 marzo 1973) è stato un architetto e ingegnere russo.

Alcune tra le sue creazioni più importanti:

La scultura fu progettata da Evgenij Vučetič.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nikitin nacque a Tobol'sk, Siberia, il padre era un ingegnere tipografico. Quando Nikolai aveva 17 anni venne morso da un serpente che gli offese il piede destro in maniera permanente. Nel 1930 Nikitin si diplomò all'Istituto Politecnico di Tomsk in "tecnica delle costruzioni". Nel 1932 progettò la stazione di Novosibirsk. Nel 1937 si trasferì a Mosca; qui progettò la costruzione del Palazzo dei Soviet. Nel 1957 fu promosso a capo architetto del Mosproekt-2, l'Istituto per la Pianificazione delle Costruzioni Civili della Città di Mosca. Nikitin morì il 3 marzo 1973 e fu tumulato al cimitero di Novodevičij

Palazzo della Cultura e della Scienza di Varsavia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ In Russia il calendario gregoriano venne introdotto solo il 14 febbraio del 1918.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51591722