Nikolaj Konstantinovič Michajlovskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nikolaj Michajlovskij

Nikolaj Konstantinovič Michajlovskij, in russo: Николай Константинович Михайловский[?] (Meščovsk, 27 novembre 1842San Pietroburgo, 10 febbraio 1904), è stato un critico letterario e sociologo russo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu uno dei più eminenti rappresentanti del populismo russo: contrariamente a molti altri populisti suoi connazionali, Michajlovskij decise di rimanere in Russia,[1] scrivendo sugli «Otečestvennye Zapiski» (Annali patrii), di cui fu direttore. Diresse anche la «Russkoe bogatstvo» (La ricchezza russa) insieme a Vladimir Korolenko. Fondamentale fu il suo apporto alla critica letteraria: scrisse svariati saggi sui più noti autori del suo tempo, tra cui Lev Tolstoj, Ivan Turgenev e Fëdor Dostoevskij.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Čto takoe progress?, 1869
  • Bor´ba za individual´nost´, 1875
  • Geroj i tolpa, 1882
  • Žestokij talant, 1882
  • O Vsevolode Garšine, 1885
  • Kritičeskie opyty N. K. Michajlovskago, 1890 (2 voll.)
  • Literatura i žizń, 1892
  • Sočinenija N. K. Michajlovskago, 1894
  • Sočinenija, 1896
  • Literaturnye vospominanija i sovremennaja smuta, 1900
  • Revoljucionnye stat´i, 1903
  • Otkliki, 1904
  • Poslědnija sočinenija N. K. Michajlovskago, 1905
  • Vospominanija, 1906

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Møller, op. cit., p. 134.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Peter Ulf Møller, Postlude to The Kreutzer Sonata, Brill Archive, 1988.
  • Franco Venturi, Il populismo russo, Torino, Einaudi, 1972.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 296760426