Nikitin-Shevchenko IS-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nikitin-Shevchenko IS-1
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Progettista Vasilij Vasil'evic Nikitin
Vladimir Vasil'evic Schyevchyenko
Costruttore URSS Stabilimento Nr. 156
Data primo volo 6 novembre 1940
Data entrata in servizio mai
Utilizzatore principale URSS VVS
Esemplari 2
Altre varianti Nikitin-Shevchenko IS-2
Dimensioni e pesi
Lunghezza 6,79 m
Apertura alare 8,60 m (superiore)
Superficie alare 13,0-20,8
Peso a vuoto 1 400 kg
Peso carico 2 4300 kg
Capacità 900 kg
Propulsione
Motore un radiale Shvetsov M-63
Potenza 1 100 CV (588 kW)
Prestazioni
Velocità max 453 km/h
Velocità di salita 10,16 m/s
Autonomia 600 km
Tangenza 8 800 m
Armamento
Mitragliatrici 4 ShKAS calibro 7,62 mm

i dati sono estratti da The Osprey Encyclopedia of Russian Aircraft from 1875 - 1995[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nikitin-Shevchenko IS-1 fu un caccia monomotore monoposto a configurazione alare variabile progettato da Vasilij Vasil'evic Nikitin in collaborazione con Vladimir Vasil'evic Schyevchyenko, sviluppato in Unione Sovietica negli anni quaranta e rimasto allo stadio di prototipo.

Probabilmente è stato il più innovativo caccia monoposto a sottoporsi a test di volo alla fine degli anni Trenta; concepito come caccia polimorfo era stato pensato per sfruttare al meglio le capacità di salita di un biplano, ma poteva diventare anche un veloce monoplano.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

L'IS-1 (Istrebitel Skladnoi o caccia pieghevole) è stato ideato da Vladimir Shevchenko e progettato in collaborazione con Vasili Nikitin. L'IS-1 decollava come biplano sesquiplano, successivamente ritraeva le ruote del carrello nei vani della fusoliera e l'ala inferiore in quella superiore. Teoricamente, l'ala più bassa poteva essere estesa durante il combattimento per aumentare la manovrabilità.

L'IS-1 montava un radiale Shvetsov M-63 a nove cilindri da 1100 CV ed era un armato con quattro mitragliatrici da 7,62 mm ShKAS. Il prototipo, costruito interamente in metallo, volò per la prima volta il 6 novembre 1940, l'ala inferiore venne retratta ed estesa entro 7-10 secondi durante le prove successive. Mentre veniva affinato il modello di base per la produzione di serie, il prototipo venne ri-adattato in IS-2; solo un prototipo della versione IS-1 venne completato.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

URSS URSS

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bill Gunston, The Osprey Encyclopedia of Russian Aircraft from 1875 - 1995, Londra, Osprey Aerospace, 1995, ISBN 1-85532-405-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]