Nieuport 27

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nieuport 27
Nieuport27.jpg
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Costruttore Francia Nieuport
Data primo volo 1917
Utilizzatore principale Francia Aéronautique Militaire
Sviluppato dal Nieuport 24
Dimensioni e pesi
Lunghezza 6,35 m
Apertura alare 8,18 m
Altezza 2,43 m
Superficie alare 14,75
Peso a vuoto 380 kg
Peso carico 585 kg
Propulsione
Motore un rotativo Le Rhône 9Jby
Potenza 130 CV (96 kW)
Prestazioni
Velocità max 187 km/h
Autonomia 250 km
Tangenza 5 500 m
Armamento
Mitragliatrici 2 calibro 7,7 mm

i dati sono estratti da Aviafrance[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nieuport 27 era un caccia monomotore biplano prodotto dall'azienda francese Société Anonyme des Établissements Nieuport negli anni dieci del XX Secolo ed utilizzato durante la Prima guerra mondiale.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Di aspetto convenzionale, il 27 era l'evoluzione del precedente 24 e ne condivideva le caratteristiche salienti, comuni ai pari ruolo dell'epoca; monomotore biplano a carrello fisso.

La fusoliera, costruita in legno e rivestita in tela, era caratterizzata da un singolo abitacolo aperto destinato al pilota e protetto da un parabrezza. Posteriormente terminava in un impennaggio classico monoderiva con piani orizzontali controventati.

La configurazione alare era biplana, con le ali superiore, montata alta a parasole e di maggiori dimensioni, ed inferiore, montata bassa e spostata verso coda, collegate tra loro da una coppia di montanti a V per lato integrati da tiranti in filo d'acciaio. Anteriormente all'abitacolo era posto un castello tubolare che collegava la stessa all'ala superiore.

Il carrello d'atterraggio era un semplice biciclo anteriore fisso, con ruote collegate da un assale rigido, integrato posteriormente da un pattino d'appoggio montato sotto la coda.

La propulsione era affidata ad un motore Le Rhône 9J, un 9 cilindri rotativo a pistoni in grado di erogare, nella sua versione 9Jby adottata nei modelli più recenti, una potenza pari a 130 CV (118 kW) ed abbinato ad un'elica bipala in legno a passo fisso.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Francia Francia
Giappone Giappone
Grecia Grecia
bandiera Regno d'Italia
Jugoslavia Jugoslavia
Polonia Polonia
Impero russo Impero russo
Regno Unito Regno Unito
Russia Repubblica russa
RSFS Russa RSFS Russa
bandiera Serbia
Siam Siam
Stati Uniti Stati Uniti
Turchia Turchia
Uruguay Uruguay
operò dagli anni venti con almeno 28 esemplari nella Escuela Militar de Aviación (EMA).[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Bruno Parmentier, Nieuport Nie-27 in Aviafrance, http://www.aviafrance.com. URL consultato il 24 maggio 2010.
  2. ^ (EN) Uruguayan Air Force, Fuerza Aérea Uruguaya in Scramble, http://www.scramble.nl/. URL consultato il 23 mag 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) J.M. Bruce, Nieuport Aircraft of World War One, Arms and Armour Publishing, 1988, ISBN 0-85368-934-2.
  • (EN) Kenneth Munson, Fighters, Attack and Training Aircraft 1914-19 (The Pocket Encyclopedia of World Aircraft in Colour), London, Bounty Books, 2004, ISBN 0-7537-0916-3.
  • (EN) Ray Sanger, Nieuport Aircraft of World War One, The Crowood Press Ltd, 2002, ISBN 1-86126-447-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]