Nier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nier
Sviluppo Cavia
Pubblicazione Square Enix
Ideazione Sawako Natori, Kikuchi Hana
Serie Drakengard
Data di pubblicazione Giappone 22 aprile 2010
Flags of Canada and the United States.svg 27 aprile 2010
Zona PAL 23 aprile 2010
Genere Action RPG
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation 3, Xbox 360
Supporto 1 Blu-ray disc
Fascia di età BBFC: 15
CERO: D
ESRB: M
PEGI: 18, violenza, volgarità
Periferiche di input Gamepad DualShock 3
Preceduto da Drakengard

Nier è un videogioco di tipo action RPG sviluppato dai Cavia e pubblicato da Square Enix.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama è ambientata 1300 anni dopo il quinto finale di Drakengard e si concentra su un padre di famiglia di nome Nier (il cui nome è però personalizzabile dal giocatore) intento a cercare una cura per la figlia Yonah, colpita dal tremendo morbo "Black Scrawl" che decima interi villaggi e apparentemente incurabile. La popolazione è ridotta all'osso e la gente ha sempre bisogno di una mano, anche a causa dei continui attacchi di mostri d'ombra noti come "Shades"; perciò Nier si offre spesso come lavoratore per riuscire a ottenere delle cure che allevino il dolore di sua figlia. Un giorno Nier scopre che Yonah si è avventurata fuori dal villaggio alla ricerca della "Lacrima lunare", un fiore immaginario in grado di esaudire qualunque desiderio. Dopo poco tempo riesce a ritrovarla nel "Santuario perduto" dove allo stesso tempo incontra "Grimoire Weiss", bizzarro e saccente tomo parlante che, dopo essere stato liberato da un incantesimo, si offre di aiutare Nier nella sua missione. Weiss è infatti capace di curare la "Black scrawl" ottenendo i "Versi sigillati" e sconfiggendo il "Grimoire Noir", sua controparte oscura alleata con il "Re ombra", causa della presenza degli Shades e della Black Scrawl nel mondo. Ad accompagnarlo nel suo viaggio saranno inoltre presenti Kainè, una giovane guerriera che veste e si esprime in modo promiscuo, ed Emil, un ragazzo sensibile con il potere di pietrificare qualsiasi cosa semplicemente guardandola.

Marketing[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone ne sono state distribuite due versioni: Nier Gestalt e Nier Replicant: la versione Gestalt permette di vestire i panni del padre di Yonah, mentre la versione Replicant quelli del fratello; soltanto la versione Gestalt è stata distribuita anche fuori dal Giappone. Il 12 maggio 2010 è stato reso disponibile su PlayStation Network e Xbox Live un DLC intitolato Il mondo dei vasi vacui, che permette di sbloccare nuovi costumi, armi e permette di giocare con la skin del protagonista del Replicant.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco, seppur molto apprezzato dal pubblico, ha riscontrato in genere un giudizio mediocre da parte della critica. Su Spaziogames.it ha ricevuto un punteggio di 6.5 su 10, e ne viene criticata la realizzazione tecnica, il gameplay poco approfondito e la monotonia, elogiando però l'ottima trama e lo stile azzeccato. Everyeye.it gli assegna un voto di 5 su 10, definendolo "una di quelle produzioni che saranno presto dimenticate. Una sperimentazione stravagante ma senza estro, un gioco nato senza identità".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante la seconda visita alla "Foresta di Myth" l'albero sacro dice di "guardare nella sua memoria un drago rosso che cade dai cieli". Questa frase è riferita alla morte di Angelus del quinto finale di Drakengard
  • Molte delle armi che si ottengono durante il gioco sono già presenti in Drakengard
  • Praticamente tutti i boss principali hanno nomi di personaggi famosi delle favole (Hook, Hansel & Gretel, Geppetto...) fatta eccezione per il boss P-33 e Goose.
  • Nel gioco sono presenti anche riferimenti a The Legend of Zelda e Resident Evil
Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi