Nicolae Rainea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicolae Rainea (Brăila, 19 settembre 1933) è un ex arbitro di calcio rumeno.

Diventato arbitro nel 1959, già nel 1967 arrivò la nomina quale direttore di gara FIFA, per conto della quale avrebbe diretto ben 111 incontri di calcio internazionale.

Molto apprezzato nel mondo, rappresentò la federazione rumena, a livello arbitrale, durante le fasi finali del Campionato mondiale di calcio 1974 (in occasione di Brasile-Zaire e Germania Ovest-Svezia), del 1978 (in occasione di Italia-Francia e Brasile-Perù) e del 1982, dove arbitrò l'incontro tra Italia e Argentina, vinto 2-1 dagli azzurri, oltre che URSS-Scozia.

Arbitrò anche la finale dell'europeo di calcio 1980 tra Germania Ovest e Belgio, vinta per 2-1 dai tedeschi (nello stesso torneo arbitrò anche Italia-Inghilterra).

Relativamente alle competizioni per club, Rainea diresse la finale di Coppa dei Campioni 1982-1983 tra Juventus e Amburgo, vinta a sorpresa dai tedeschi per 1-0. Ma già nel 1978 gli toccarono sia la finale della Coppa UEFA tra PSV Eindhoven e Bastia, che quella della Supercoppa Europea tra Liverpool e Anderlecht.

Vanta anche la direzione in due semifinali di Coppa dei Campioni (nel 1979 e nel 1980), in due semifinali di Coppa delle Coppe (nel 1975 e nel 1977) ed in due semifinali di Coppa UEFA (nel 1974 e nel 1981).

Appese il fischietto al chiodo nel 1984 passando virtualmente il testimone al più giovane connazionale Ioan Igna quale arbitro di punta rumeno. Da allora cominciò la sua attività di osservatore arbitrale UEFA, che venne interrotta nel 2002 per raggiunti limiti d'età (sebbene Rainea riconduca tale decisione ad antiche invidie nutrite da parte dell'ex arbitro francese Michel Vautrot, in quel periodo membro della Commissione arbitrale UEFA[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nicolae Rainea punea arbitrii cumpere cadouri, hotnews.ro, 20 aprile 2005.