Nicolò Nicolosi (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicolò Nicolosi
Nicolosi Nicolò.jpg
Cocò Nicolosi in allenamento
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex ala)
Ritirato 1949 - calciatore
1970 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1929-1930 600px Nero.png A.G.F. Bengasi  ? (?)
1930-1931 Lazio Lazio 2 (2)
1931-1932 Lazio Lazio B  ? (?)
1932-1937 Catania Catania 106 (57)[1]
1937-1938 Napoli Napoli 9 (2)
1938-1939 Atalanta Atalanta 23 (7)
1939-1940 Catania Catania 23 (3)
1940-1941 Atalanta Atalanta 5 (1)
1941-1942 Vigevano Vigevano 5 (0)
1942-1943 Saronno Saronno 7 (5)
1944 Rovigo Rovigo 1 (0)
1945-1947 Frattese Frattese  ? (?)
1947-1949 Catania Catania 9 (2)
Nazionale
Italia Italia universitaria
Carriera da allenatore
1948 Catania Catania
1951-1952 Ragusa Ragusa
1952-1953 Enna Enna
1953-1954 Pisa Pisa
1954 Palermo Palermo
1955-1956 Acireale Acireale
1956-1958 Catania Catania Vice
1957 600px Arancione e Verde (Strisce).png Idria Francofonte
1957-1958 Catania Catania
1958-1959 Salernitana Salernitana
1959 Massiminiana Massiminiana
1961-1962 Massiminiana Massiminiana
1963-1964 Massiminiana Massiminiana
1967-1968 Giarre Giarre
1969-1970 Massiminiana Massiminiana
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Nicolò Nicolosi ([niko'lɔ niko'lɔzi]; Lercara Friddi, 9 agosto 1912Catania, 3 maggio 1986) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centravanti e ala sinistra.

Negli anni trenta si segnalò come il primo italiano cresciuto in Libia ad esordire in Serie A, con la maglia della Lazio[2]. Nella massima serie giocò, oltre che con i biancazzurri, con il Napoli e l'Atalanta, totalizzando complessivamente 16 presenze e 5 reti. Ebbe un'esperienza più lunga e incisiva in Serie B, legata a lungo alle sorti del Catania: tra il 1934 e il 1940 disputò 126 gare e segnò 45 gol. Fu convocato anche con la Nazionale universitaria italiana.

Conosciuto con il nomignolo di Cocò, la stampa catanese lo soprannominò anche Motorino, insieme ai compagni di reparto in attacco Sorcetto Mario Nicolini e Zanzarino Mario Bianzino[3]. È il miglior marcatore della storia del Catania con 71 reti in 149 partite tra campionato e spareggi, solo avvicinato da Giuseppe Mascara negli anni duemila[4].

La sua carriera da allenatore è meno famosa, in quanto si è svolta soprattutto nei campionati regionali dilettantistici e giovanili. Le principali esperienze con prime squadre furono con il Palermo in Serie A e con il Catania in Serie B.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane Nicolosi.

Nicolosi nacque a Lercara Friddi, in una numerosa famiglia (in tutto aveva dieci fratelli). Il padre, notaio, emigrò pochi anni dopo a Bengasi, per la politica coloniale italiana, e lo portò con sé[2]. Tornò in patria per studiare all'Università di Roma[5]. Le cronache giornalistiche degli anni trenta lo descrivono come alto, elegante, istruito, con capelli lisci e occhi neri[6]. Gli rimase, anche in seguito, la fama di atleta-gentiluomo[7].

Si legò a Catania, che fu la seconda – e la più lunga – tappa italiana della sua carriera sportiva e dove tornò nel secondo dopoguerra. Lì si sposò, nel 1948, con Agata Cosentino, da cui ebbe due figlie[8]. Nel 1950 nacque Marina, poi coniugata Doria, che sarebbe diventata poetessa e musicista[9]; la secondogenita fu Cecilia, artista e professoressa. Nella sua città d'adozione era così popolare che nel 1951-1952 fu iscritta al Campionato Ragazzi una formazione chiamata proprio Cocò Nicolosi, in suo onore[10].

Appassionato di teatro, recitò lui stesso e conobbe sia Angelo Musco che Turi Ferro, entrambi attori catanesi[11]. Fu in seguito funzionario dell'ispettorato forestale regionale. Morì il 3 maggio 1986 per un male incurabile[8] che lo aveva colto due mesi prima[7].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Mancino[12], ala sinistra[2] o centravanti[13], dotato di velocità e di fine palleggio, era abile nel dribbling, efficace sottoporta[14] ed amato dal pubblico catanese[8]. Era un velocista: poteva correre i 100 metri in 11 secondi netti[5]. Le qualità per le quali entrò nel giro della Lazio furono il suo scatto, il suo tiro e la sua visione di gioco[11]. Non riuscì però a sfondare nella massima serie; a Napoli gli riconobbero sveltezza e sagacia, che giudicarono tuttavia non molto fruttifere[15].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi e l'arrivo a Catania[modifica | modifica wikitesto]

In Libia iniziò a giocare a calcio con l'Avanguardia Giovanile Fascista di Bengasi, con cui vinse il campionato della Cirenaica[11]. Cocò Nicolosi fu poi ingaggiato dalla Lazio a 17 anni. L'allenatore della prima squadra, Ferenc Molnár, lo inserì nella rosa che partecipava alla Serie A e gli permise di esordire il 15 marzo 1931 in Casale-Lazio 0-2, partita in cui segnò la seconda rete. Giocò e realizzò una marcatura anche nella successiva giornata, contro la Pro Vercelli, ma poi non tornò più a vestire la maglia biancazzurra, se non in Seconda Divisione con la formazione riserve[16][17]. Nel 1932-1933 il suo tecnico nelle giovanili laziali, Lajos Czeizler, lo portò a giocare al Catania[2].

Mario Sernagiotto e Cocò Nicolosi al Catania.

Durante la sua prima stagione realizzò due triplette e segnò in amichevole la rete del 2-2 contro la Juventus[18]. Nel 1933-1934 il nuovo tecnico Géza Kertész gli concesse meno spazio nel girone d'andata, ma quando lo inserì al posto di Mario Bianzino come ala sinistra o Alberto Pignattelli come centravanti, Nicolosi si dimostrò imprescindibile[13] per la squadra che vinse la stagione regolare e il girone finale di Prima Divisione. Nell'appendice del campionato, realizzò sei gol in cinque partite, arrivando a sfondare la rete della porta nella partita d'andata contro il Savona[19].

I tre anni di Serie B a Catania[modifica | modifica wikitesto]
« Cocò, io la gente la faccio ridere con i miei film, ma tu con i tuoi gol la fai impazzire dalla gioia! »
(Angelo Musco[6])

Confermato titolare della linea d'attacco in Serie B, disputò alcune partite notevoli, tra le quali quella contro il Messina (segnò una doppietta) e il Cagliari (le cronache ricordano una sua rete di ottima fattura).[3] Il primo anno di cadetteria fu ricordato, tuttavia, per la prestazione contro il Genova 1893. La formazione ligure era prima e accreditata per la promozione; il Catania la inseguiva (a distanza) in classifica. Nicolosi realizzò la prima rete, su cross di Ercole Bodini, per la quale fu festeggiato nello spogliatoio dall'attore Angelo Musco. Nel secondo tempo, dopo un intervento duro, fu costretto a giocare da infortunato e, ciononostante, segnò anche il 2-0. Il risultato venne pareggiato negli ultimi istanti di gara dai genovesi, ma rimasero per anni dubbi di una combine ai danni della formazione di casa[3].

Kertész lo trattenne a Catania anche nel 1935-1936 e lui fu protagonista di un girone d'andata di qualità. Segnò varie marcature multiple e, soprattutto, continuò a riscuotere grande successo tra il pubblico[6]. Nel girone di ritorno, tuttavia, l'intera squadra fece un passo indietro e non riuscì ad avvicinarsi alle posizioni che garantivano la promozione in Serie A[20].

Il finale discendente e il rinnovamento della società sportiva portò a un cambio dell'allenatore (arrivò Pietro Colombati), ma non alla cessione di Nicolosi, che rimase titolare[21]. Anche nel terzo campionato consecutivo in B la formazione rossazzurra fu alquanto incostante; il centravanti-ala si segnalò in occasione di una doppietta a Messina[22] e poi come unico punto di riferimento nell'undici che affrontò gli spareggi retrocessione. Anni dopo, fu lui a raccontare dell'intervallo dell'ultima partita, ancora a Messina, quando Colombati e Heinrich Bachmann, allenatore degli avversari, chiesero al Catania di perdere per forzare la mano al DDS e convincerlo a salvare tutte le squadre. Le quattro società spareggianti conclusero infatti a pari merito il girone che avrebbe dovuto relegarne una in Serie C, ma il Direttorio decise di proseguire a eliminazione diretta e il Catania retrocesse perdendo 0-4 contro il Venezia. Nicolosi sbagliò un rigore proprio nell'ultima partita[23].

Le esperienze successive tra A e B[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1937-1938 tornò in Serie A, per vestire la maglia del Napoli. In totale disputò nove gare in campionato[24] e una partita in Coppa Italia[25]. Quindi passò all'Atalanta, chiamato da Kertész per occupare il ruolo di centravanti, per il quale la squadra bergamasca aveva avuto dei problemi in passato[26]. Nonostante la sua buona stagione con la maglia neroazzurra, condita da sette reti, gli orobici persero la promozione in Serie A per la differenza reti avversa rispetto al Venezia.

Richiamato in prestito al Catania nel 1939-1940, trovò subito una squadra in crisi tecnica (l'allenatore György Orth arrivò solo alla quarta giornata) e nemmeno lui riuscì a incidere. I rossazzurri non si riuscirono mai ad allontanare dalla zona salvezza e conclusero ultimi, retrocedendo in Serie C, malgrado la presenza in squadra anche dell'ex campione del mondo Attilio Ferraris[13]. Rientrato all'Atalanta, intanto promossa nella massima serie, giocò solo cinque partite, siglando una rete[27].

Ultimi anni in Serie C[modifica | modifica wikitesto]

In seguito disputò qualche presenza in Serie C per due anni con Saronno e Vigevano, oltre ad essere in campo per una comparsata nel Campionato Alta Italia 1944 con il Rovigo.

Nel 1945 giocò il Campionato campano con la Frattese; quella squadra schierava l'altro ex napoletano Umberto Busani[28]. Il torneo di guerra fu vinto dallo Stabia, che la Frattese riuscì a battere in casa per 2-1, con Nicolosi in campo[29]. Il centravanti-ala rimase a Frattamaggiore per altri due campionati di Serie C, il 1945-1946 e il 1946-1947[30]. In questo periodo, la presenza del Napoli e della Salernitana nella massima serie permise ai nerostellati di incontrare in amichevole alcune formazioni titolate e Nicolosi segnò l'1-0 che bastò per sconfiggere la Juventus[31] e la prima rete contro la Pro Livorno (battuta per 3-2)[32].

A 35 anni tornò in Sicilia con il Catania[33] e segnò due gol di fila contro Notinese e Nissena nel 1947-1948[34]. Disputò l'ultima partita il 13 marzo 1949 contro l'Acireale, 17 anni dopo l'esordio[35], mettendo la firma sulla promozione del 1948-1949 con due presenze[36].

Anche in età più matura rimase assiduo frequentatore dei campi in terra battuta della Plaia[7] e tornò a giocare allo stadio Cibali un'ultima volta nel 1976, in occasione di un'amichevole tra vecchie glorie del Catania e della Juventus[11].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nicolosi è stato convocato in alcune occasioni in Nazionale universitaria[8].

Nicolò Nicolosi ai tempi della Lazio

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi in Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

La prima esperienza in panchina di Nicolosi maturò casualmente dopo il suo rientro a Catania nel 1947. Il cammino incerto della formazione allenata da Achille Piccini convinse i dirigenti a promuovere l'esperta ala al rango di allenatore-giocatore. Il suo impegno e l'arrivo di cinque nuovi acquisti permise alla squadra di vincere il campionato 1947-1948 e mantenere il posto nella Serie C nazionale[37]. Tornato a essere semplice giocatore, rimase comunque nello staff etneo nella stagione seguente. Insieme al dirigente Giuseppe Lorenti, al termine della stagione scoprì il caso di corruzione che coinvolgeva l'Avellino e che permise di ribaltare a tavolino il risultato dello spareggio promozione. Il Catania fu così ammesso alla B[38].

Fu, in seguito, primo al supercorso di Coverciano per l'abilitazione al ruolo di allenatore[7]. Nel 1951-1952 assunse l'incarico al Ragusa, in Prima Divisione regionale. La squadra iblea vinse il campionato mantenendosi in testa dall'inizio alla fine e Nicolosi riuscì a schierare una formazione che presentava, equilibratamente, calciatori più esperti (tra cui gli ex catanesi Ziz, Cadei e Ardesi) e più giovani[39].

Nel 1952-1953 fu sul punto di essere ingaggiato dall'Acireale[40], ma alla fine andò alla Pro Enna in IV Serie[41].

Una stagione tra Pisa e Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953-1954 iniziò la stagione con il Pisa, ma la squadra si ritrovò a giocare per non retrocedere e così la dirigenza lo sostituì con Guido Masetti[42].

A sei giornate dalla fine dello stesso campionato venne ingaggiato come allenatore del Palermo[43] dopo l'esonero di Rodolphe Hiden ed il breve interregno di Scarpato e Giaroli. La squadra si classificò 17ª e retrocesse dopo gli spareggi contro Udinese e Spal, sui quali rimasero dei dubbi per una presunta combine orchestrata dallo stesso Giaroli[44]. Questa fu la sua prima e unica esperienza da allenatore nella massima serie.

Nicolosi al Campo dei Cent'anni.

Il ritorno a Catania e la Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1955-1956 fu chiamato dall'Acireale, in Promozione. In squadra aveva i suoi ex compagni di squadra Mirabella e Prevosti, ma non completò la stagione perché fu sostituito da József Bánás in corsa[45].

Gipo Poggi lo volle con sé come vice allenatore al Catania nel 1956-1957[46]. Nel novembre 1957 gestì per due settimane, part time, l'Idria di Francofonte, dividendosi però con il ruolo di vice al Catania[47]. Intanto, maturava la decisione della dirigenza etnea di esonerare Poggi e promuovere Nicolosi a primo allenatore, affiancato dal giocatore Riccardo Carapellese. La coppia durò lo spazio di sei partite, poi fu sostituita da Francesco Capocasale[48].

Nel 1958-1959 fu chiamato alla Salernitana, che si presentava in Serie C con una formazione molto giovane. I risultati furono deludenti, la dirigenza gli affiancò Vittorio Mosele, ma alla fine i granata conclusero all'ultimo posto nel Girone B. Per effetto della riforma dei campionati, tuttavia, la squadra non retrocesse[49].

Ancora nei campionati dilettantistici[modifica | modifica wikitesto]

In seguito allenò la Massiminiana in quattro occasioni, mai per una stagione intera. Ne fu il primo tecnico in assoluto in Prima Categoria 1959-1960[50] (sostituito da Vittorio Corrao[51] e poi Renato Ricci[52]), poi tornò in Prima Categoria 1961-1962 (sostituito da Aurelio Bongiovanni[53]) e ancora in Prima Categoria 1963-1964 (affiancò Michele Borgia e vinse il campionato dopo gli spareggi contro Provinciale Messina e Alcamo[54]).

Nel 1967-1968 subentrò alla decima giornata a Marchese sulla panchina del Giarre, in Prima Categoria. Dopo tre vittorie e tre sconfitte, prima della partita contro il Rosolini l'allenatore si dimise perché in contrasto con i dirigenti che volevano far loro la formazione[55].

In seguito passò un'ultima volta dalla Massiminiana in Serie C 1969-1970 (subentrando ad Adelmo Prenna), ma non riuscì a salvare la squadra dalla retrocessione[56]. Infine diresse varie squadre aziendali e giovanili[8], anche oltre i settant'anni d'età[57].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1929-1930 Italia A.G.F. Bengasi TD  ?  ? - - -  ?  ?
1930-1931 Italia Lazio A 2 2 - - - 2 2
1931-1932 Italia Lazio B SD  ?  ? - - -  ?  ?
1932-1933 Italia Catania PD 14 14 - - - 14 14
1933-1934 PD 12+5 8+6 - - - 17 14
1934-1935 B 22 12 - - - 22 12
1935-1936 B 31 16 CI 3 3 34 19
1936-1937 B 27+6 7+3 CI 4 4 37 14
1937-1938 Italia Napoli A 9 2 CI 1 0 10 2
1938-1939 Italia Atalanta B 23 7 CI 2 1 25 8
1939-1940 Italia Catania B 23 3 CI 0 0 23 3
1940-1941 Italia Atalanta A 5 1 CI 1 0 6 1
Totale Atalanta 28 8 3 1 31 9
1941-1942 Italia Vigevano C 5 0 - - - 5 0
1942-1943 Italia Saronno C 7 5 - - - 7 5
1944 Italia Rovigo CAA 1 0 - - - 1 0
1945 Italia/Italia Frattese CC  ?  ? - - -  ?  ?
1945-1946 C  ?  ? - - -  ?  ?
1946-1947 C  ?  ? - - -  ?  ?
Totale Frattese  ?  ? - -  ?  ?
1947-1948 Italia Catania C 7 2 - - - 7 2
1948-1949 C 2+0 0 - - - 2 0
Totale Catania 138+11 62+9 7 7 156 78
Totale carriera 190+ + 11 79+ + 9 11 8 212+ 96+

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie
1947-1948 Italia Catania C sub., 1º 18 12 3 3 66,67
1951-1952 Italia Ragusa PD 1º, prom.
1952-1953 Italia Pro Enna IV 30 10 10 10 33,33
1953-1954 Italia Pisa C sost.
1953-1954 Italia Palermo A sub., 17º, retr. 6 2 3 1 33,33
1955-1956 Italia Acireale P sost.
1957-1958 Italia Idria Francofonte CD sub., sost.
1957-1958 Italia Catania B sub., sost. 6 2 2 2 33,33
1958-1959 Italia Salernitana C 18º 34 8 8 18 23,53
1959-1960 Italia Massiminiana PC sost.
1961-1962 Italia Massiminiana PC sost.
1963-1964 Italia Massiminiana PC sub., 1º, prom.
1967-1968 Italia Giarre PC sub., sost. 6 3 0 3 50,00
1969-1970 Italia Massiminiana C sub., 18º, retr.
Totale 100 37 26 37 37,00

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 117 presenze e 66 reti se si includono le presenze nel girone finale 1933-1934 e negli spareggi salvezza 1936-1937.
  2. ^ a b c d Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 47.
  3. ^ a b c Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 61.
  4. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 14.
  5. ^ a b Il bengasino Niccolosi alla "Lazio" in Il Messaggero, 17 settembre 1930.
  6. ^ a b c Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 65.
  7. ^ a b c d Gaetano Sconzo, Cocò Nicolosi in La Sicilia, 3 maggio 2006.
  8. ^ a b c d e l.p., È morto a 73 anni Cocò Nicolosi vecchia gloria del calcio catanese in La Sicilia, 4 maggio 1986.
  9. ^ Marina Doria (1950-2006) in associazionealhambra.eu. URL consultato il 24 agosto 2013.
  10. ^ La Cocò Nicolosi ha vinto con largo vantaggio il girone A in La Sicilia, 28 aprile 1952.
  11. ^ a b c d Roberto Quartarone, Cocò Nicolosi, epopea centenaria in catania46.net, 10 agosto 2012. URL consultato il 3 settembre 2013.
  12. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 86.
  13. ^ a b c Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 55.
  14. ^ E.Corbani, p. 351
  15. ^ Umberto Maggioli, Oltre la "zona Cesarini" Juventus-Napoli 2-1 (1-1) in La Stampa, 11 ottobre 1937. URL consultato il 24 agosto 2013.
  16. ^ Incontri amichevoli. Lazio "B" batte A.C. Formia: 3 a 1 in Il Littoriale, 17 giugno 1931. URL consultato il 31 agosto 2013.
  17. ^ La Seconda Divisione laziale apre nel centro-meridionale in Il Littoriale, 9 ottobre 1931. URL consultato il 31 agosto 2013.
  18. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 49.
  19. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 56.
  20. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 66.
  21. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 70.
  22. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 71.
  23. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 73.
  24. ^ Almanacco - la storia, p. 99.
  25. ^ Coppa Italia 1937-1938 - Quarti di finale in enciclopediadelcalcio.it. URL consultato il 18 agosto 2013.
  26. ^ Renzo De Vecchi, La Serie B presenta i suoi 18 campioni in Il Calcio Illustrato, 7 settembre 1938. URL consultato il 24 agosto 2013.
  27. ^ Almanacco - la storia, p. 105.
  28. ^ Pezzullo, p. 14.
  29. ^ Pezzullo, p. 15.
  30. ^ Pezzullo, p. 19.
  31. ^ Pezzullo, p. 17.
  32. ^ Pezzullo, pp. 18-19.
  33. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 114.
  34. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 118.
  35. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 122.
  36. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 124.
  37. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 115.
  38. ^ Corona, p. 22.
  39. ^ Lino Blundo, Il Ragusa ha già vinto in Prima Divisione in La Sicilia, 12 maggio 1952.
  40. ^ S. Basile, L'Acireale cerca allenatore Creziato o Cocò Nicolosi? in La Sicilia, 24 luglio 1952.
  41. ^ E. F., Cocò Nicolosi allenatore dell'Enna in La Sicilia, 8 agosto 1952.
  42. ^ Un Nerazzurro Da Raccontare – 1949/1969 in ilpisasiamonoi.it. URL consultato il 18 agosto 2013.
  43. ^ Cocò Nicolosi allenerà il Palermo in La Sicilia, 24 aprile 1954.
  44. ^ Salvatore Geraci, Vecchie glorie in la Repubblica, 25 gennaio 2009. URL consultato il 20 agosto 2013.
  45. ^ Anno 55-56 in ilficodindia.it. URL consultato il 3 settembre 2013.
  46. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 166.
  47. ^ Gregorio Ippolito, Anche Nicolosi, dopo la fortuna, ha piantato l'Idria in La Sicilia, 29 novembre 1957.
  48. ^ Buemi, Fontanelli, Quartarone, Russo, Solarino, p. 173.
  49. ^ Campionato Serie C Anno 1958-59 in salernitanastory.it. URL consultato il 18 agosto 2013.
  50. ^ Costituita a Catania la Massiminiana Scat in La Sicilia, 22 agosto 1959.
  51. ^ Nicolosi esonerato e giocatori in "fuga" in La Sicilia, 15 dicembre 1959.
  52. ^ Russo, p. 118.
  53. ^ Russo, p. 119.
  54. ^ Russo, p. 120.
  55. ^ 1967-68 - Almanacco gialloblu in giarrestory.altervista.org. URL consultato il 19 agosto 2013.
  56. ^ Russo, p. 123.
  57. ^ Corona, p. 15.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio. La storia 1898-2004, Modena, Edizioni Panini, 2005, p. 544.
  • Antonio Buemi; Carlo Fontanelli; Roberto Quartarone; Alessandro Russo; Filippo Solarino, Tutto il Catania minuto per minuto, Empoli, GEO Edizioni, 2011, p. 488.
  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta, vol. 2, Bergamo, Sesaab, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.
  • Puccio Corona, Almanacco rosso azzurro 1982-1983, Roma, Alphaomega Editrice, 1982, p. 92.
  • Pasquale Pezzullo, 70 anni di storia della Frattese Calcio 1928-2004, Frattamaggiore, Istituto di Studi Atellani, 2004, p. 50.
  • Alessandro Russo, Angelo Massimino. Una vita per (il) Catania, Empoli, GEO Edizioni, 2007, p. 150.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 12 settembre 2013vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue