Nicolò Beregan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicolò Beregan, anche Berengani o Bergani (Vicenza, 21 febbraio 1627Venezia, 17 dicembre 1713), è stato un poeta, librettista e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Beregan era un noto avvocato di Venezia, oltre ad essere ben reputato come letterato e filologo. Dal 1656 al 1660 visse in esilio a causa di una faida personale contro un mercante tedesco. Era membro di tre accademie: dei Dodonei a Venezia, dei Concordi a Ravenna e dei Gelati a Bologna. Inoltre fu in legame con la corte imperiale di Vienna e intrattenne un rapporto di corrispondenza con Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg, un importante sostenitore militare e musicale di Venezia.

Il libretti di Beregan, la maggior parte dei quali sono scritti con carattere eroico, furono musicati dai più famosi compositori dell'epoca e furono impiegati come modelli da librettisti successivi come Pietro Pariati.

Libretti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 73876346 LCCN: n80158655