Nicolás Guillén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicolás Cristobal Guillén Batista (Camagüey, 10 luglio 1902L'Avana, 16 luglio 1989) è stato uno scrittore cubano.

Nicolás Guillén (1942)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò legge all'Università de L'Avana, ma rinunciò alla carriera legale per lavorare come tipografo e giornalista.

Nel 1936 venne arrestato insieme ad altri editori del giornale Mediodía, e a causa della repressione politica conobbe il carcere. L'anno seguente andò in Spagna dove partecipò alla guerra civile spagnola e a contatto con i combattenti repubblicani, aderì al Partito comunista.

Tornato in patria partecipò alle elezioni locali come candidato comunista nel 1940.

Malgrado Stati Uniti d'America gli negarono il visto d'ingresso, ebbe modo di visitare il Sud America, l'Europa e l'Asia e viaggiò per quasi 20 anni. Nel 1953 il regime di Batista decise di impedirgli la possibilità di far ritorno sull'isola e fino al 1958 Guillén visse in esilio, soprattutto a Parigi.

Tornato all'Avana, dopo la vittoria della Rivoluzione e la caduta di Batista, fu eletto presidente dell'Unione nazionale degli scrittori di Cuba.

Nel 1954 fu insignito del Premio Stalin per la pace.

Poetica[modifica | modifica wikitesto]

Meticcio e figlio di uno schiavo, nella propria produzione letteraria Guillén ha affrontato importanti temi sociali come la condizione dei neri, la loro oppressione e speranza di riscatto.
Già all'epoca di Gustavo Machado scriveva il dramma dello sfruttamento dei macheteros nelle piantagioni di canna da zucchero.

Caratteristica peculiare dei suoi versi è l'utilizzo di espressioni onomatopeiche (come Sóngoro Cosongo e Mayombe-bombe) che evocano il suono dei tamburi e i ritmi del son. Sua fonte di ispirazione stilistica, infatti, sono tanto i classici europei quanto i canti popolari delle Antille.

Fu Nicolas Guillén che si riferì per primo a Cuba definendola "lunga lucertola verde con gli occhi d'acqua e di pietra", creando così il felice accostamento tra l'immagine del coccodrillo e la forma dell'isola che ancor oggi viene utilizzato.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Poemas de transición (1927-1931)
  • Cerebro y corazón (1928)
  • Motivos de son (1930)
  • Sóngoro cosongo (1931)
  • West Indies, Ltd. (1934)
  • Cantos para soldados y sones para turistas (1937)
  • España (1937)
  • El son entero (1947)
  • El soldado Miguel Paz y el sargento José Inés
  • Elegías (1948-1958)
  • La paloma de vuelo popular (1958)
  • Tengo (1964)
  • En algún sitio de la primavera (1966)
  • El gran zoo (1967)
  • La rueda dentada (1972)
  • El diario que a diario (1972)
  • Por el mar de las Antillas anda un barco de papel (1977)
  • Sol de domingo (1982)
  • Hay Que Tener Bolunta
  • Balada de los dos abuelos

Molte sue opere sono state messe in musica da Paco Ibáñez e tra queste, in particolare, Soldadito Boliviano, dedicata alla morte di Che Guevara, che ebbe molto successo nel 1969. La poesia La Muralla è stato invece musicata da Inti Illimani e Quilapayún. Da notare, infine, che la più nota composizione sinfonica di Silvestre Revueltas, intitolata Sensemayá, è basata sull'omonimo componimento poetico di Nicolás Guillén.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il cineasta cubano Nicolás Guillén Landrián è nipote di Nicolás Guillén.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di José Martí - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di José Martí
Premio Lenin per la Pace - nastrino per uniforme ordinaria Premio Lenin per la Pace
— Mosca, 1954

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Consuelo Hernández, Nicolás Guillén y su legado, MACLAS, Latin American Essays, Middle Atlantic Council of Latin American Studies, Volume XVII, Virginia Commonwealth University, 2004 (pp. 50–63).
  • Raquel Chang-Rodriguez, Voces de Hispanoamerica, Ed. 3 Nicolas Guillen, Thomson Heinle, Boston, 2004 (pp. 371–379).
  • Keith Ellis, En algún sitio de la primavera / Amor y revolución permanente: nueva poesía de amor de Nicolás Guillén, Fundación Sinsonte, Zamora, 2006).
  • Enciclopedia Universale Bompiani, 1984

Controllo di autorità VIAF: 29534974 LCCN: n50018817

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie