Nicolás Bobadilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicolás Bobadilla (Palencia, 1511Loreto, 23 settembre 1590) è stato un gesuita spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi in filosofia ad Alcalá de Henares, si trasferì a Toledo, dove approfondì le sue conoscenze teologiche e fu docente di logica.[1]

Nel 1533 si trasferì a Parigi per completare la sua formazione: agli inizi del 1534, insieme a Simão Rodrigues, conobbe Ignazio di Loyola e si unì alla sua comunità.[1]

Insieme a Ignazio e ai suoi primi compagni il 15 agosto 1534, nella chiesa di San Pietro a Montmartre, emise il voto di recarsi in Terra Santa e mettersi a disposizione del papa, dando inizio a quella che sarebbe diventata la Compagnia di Gesù.

Per incarico di papa Paolo III, partecipò alle diete di Norimberga, Spira e Ratisbona. Essendosi pronunciato contro l'Interim di Augusta, Carlo V lo costrinse ad abbandonare la Germania.

Alla morte di Ignazio, provocò lo scontro tra il suo ordine e papa Paolo IV, che mise in seria crisi la Compagnia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c O'Malley, op. cit., p. 37.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 57002627