Nicky Siano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicky Siano
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica house
Funk
Disco
Periodo di attività anni settanta – in attività
Gruppi e artisti correlati Frankie Knuckles, Larry Levan
Sito web

Nicky Siano (Brooklin, 18 marzo 1955) è un disc jockey statunitense. È considerato uno dei pionieri della dance music[1]. Fu il primo dj resident dello Studio 54[2] e fu tra i primi dj a fare il mixaggio da due dischi[2][3].

A soli 16 anni è già tra i deejay protagonisti al "The Loft" di David Mancuso, a New York. Nel 1972 apre a SoHo la discoteca "The Gallery". Qui ospita dj del calibro di Larry Levan e Frankie Knuckles, e fa esibire per la prima volta dal vivo alcuni cantanti di musica dance come Grace Jones e Loleatta Holloway, oltre a cantanti agli albori della propria carriera come Patti LaBelle, David Bowie, Mick Jagger[2]. Il "The Gallery" chiude poi nel 1978.

Dopo la chiusura del "Gallery" inizia a lavorare all'"Enchanted Garden", un locale nella zona newyorkese di Queens[2]. Il locale era di proprietà di un certo Steve Rubell, che ben presto apre il nuovo Studio 54[2]: Siano vi si trasferisce, e diviene il primo dj resident, rimanendovi per quasi un anno e mezzo.

Nel 1978 è il primo deejay a realizzare e produrre un disco mixato[2]: coproduce infatti con Arthur Russell il singolo Kiss Me Again, sotto lo pseudonimo di "Dinosaur", vendendo circa 200.000 copie[4]. Altre sue hit sono Pick It Up e Tiger Stripes[2]. È lui a proporre per primo musica innovativa come Love's Theme della The Love Unlimited Orchestra o TSOP (The Sound of Philadelphia) dei MFSB, che diventano presto hit di successo[5].

La morte del suo caro amico David Rodriguez per AIDS lo spinge a scrivere il libro No time to wait: a complete guide to treating, managing, and living with HIV infection[6], un manuale sulla cura e il trattamento dell'AIDS.

Nel luglio 1998 torna al turntablism per celebrare la ricorrenza del compleanno dello scomparso Larry Levan[7].

Nel 2003 il magazine New York lo ha inserito tra le "100 persone che hanno cambiato New York"[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., Billboard del 27 novembre 2004, Nielsen Business Media, p.33.
  2. ^ a b c d e f g (EN) Intervista a Nicky Siano, djhistory.com. URL consultato il 10-3-2011.
  3. ^ Nicky Siano, romaintheclub.com. URL consultato il 10-3-2011.
  4. ^ Man on the moon (PDF), Blow Up. URL consultato il 10-3-2011.
  5. ^ Storia della disco music, unkytown70.com. URL consultato il 10-3-2011.
  6. ^ Nicky Siano, Suzanne Lipsett, No time to wait: a complete guide to treating, managing, and living with HIV infection, Bantam Books, 1993, ISBN 9780553371765.
  7. ^ Biografia dal sito ufficiale. URL consultato il 10-3-2011.
  8. ^ (EN) 100 People Who Changed New York, nymag.com. URL consultato il 10-3-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale