Nicaise de Keyser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabella van Toutenberg

Nicaise de Keyser (Zandvliet, 26 agosto 1813Anversa, 17 luglio 1887) è stato un pittore belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di Joseph Jacobs, che ne scoprì il talento e lo introdusse all'Accademia di Belle arti, e di van Bree ad Anversa. Nel 1839 fece un viaggio di istruzione in Italia. Il 6 ottobre 1840 sposò la pittrice di genere Isabella Telghuys.

Nel 1855 divenne direttore dell’Accademia di Belle Arti di Anversa succedendo a Gustave Wappers. Numerosi furono i suoi allievi, tra i quali Émile Claus, Joseph Lies e Florent Claes.

Nel 1873 fu insignito dell'onorificenza prussiana Pour le Mérite.

Agli inizi Keyser si dedicò a soggetti religiosi, ma ben presto passò a rappresentare episodi della storia del suo Paese. Divenne infine un ritrattista assai apprezzato e richiesto, specie da personaggi di alto rango, pur rimanendo un valido artista nella pittura storica.

Grande merito e successo gli recò il famoso quadro La battaglia degli speroni d'oro.

Keyser morì ad Anversa, dove aveva sempre vissuto, nel 1887, a 74 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Anversa, Musée royal des Beaux-Arts, serie di quadri dedicata alla gloria della Scuola di Anversa:
    • Figure allégorique de la ville d'Anvers entourée d'artistes du gothique à la Renaissance, composizione centrale circondata da otto piccole scene di artisti di Anversa[1]: Raphaël et Barend van Orley, Jean van Eyck e Roger Rogier van der Weyden, Bartholomeus Spranger à Vienne, Antoon van Dyck à Londres, Gérard Edelinck à Paris, Artus Quellinus à Amsterdam, Denis Calvaert à Bologne, Matthias et Paul Bril à Rome.
    • Peintres et graveurs, su ambo i lati: L'Installation de l'Académie, Rubens dans son atelier.
    • Peintres et sculpteurs, sui due lati: La Visite d'Albrecht Durer à Quentin Metjis, Cornelis Floris de Vriendt montrant les plans de l'hôtel de ville.
    • Charles V délivre les esclaves de Tunis.
  • Bruxelles, Museo reale d'arte moderna (Musées royaux des beaux-arts de Belgique):
    • Portrait de Louise-Caroline-Françoise van Campenhout, 1847
    • Moine consolant un prisonnier, acquarello su cartone, 1839
  • Douai, Museo della Chartreuse di Douai
    • Portrait de Sir Henry Berthoud, (1804-1891), 1840
  • Nizza, Museo di Belle arti, serie di quattro grandi composizioni lasciate al museo da Ernest Gambart, nel 1902.
    • Les Artistes de l'Antiquité, 1878.
    • Les Écoles du Midi: Italie et Espagne, 1876.
    • Les Écoles du Nord: Flandres, Hollande, France et Angleterre, 1876.
    • Écoles du XIX siècle[2], 1878.

Le opere più note[modifica | modifica wikitesto]

  • La visita di Durer à Quentin Metjis, Museo reale di Belle arti, Anversa
  • Ritratto di Louise-Caroline-Françoise van Campenhout, (olio su tela, 175,5 x 106 cm) 1847, Museo reale d'arte moderna, Bruxelles
  • Un monaco consola un prigioniero, (acquarello su cartone, 41,2 x 30,2 cm) 1839, Museo reale d'arte moderna, Bruxelles
  • Ritratto di Henry Berthoud, (olio su tela, 28,5 x 20 cm) 1840, Museo della Chartreuse, Douai
  • Gli artisti dell’antichità, (olio su tela, 283 x 404 cm) 1878, Museo di Belle arti, Nizza

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean Forneris, Une commande "niçoise" au belge Nicaise de Keyser, Les Peintres des Grandes Écoles de la collection Ernest Gambart, catalogo della mostra tenutasi a Nizza nel Museo di Belle arti, nel 1997.
  • Henri Hymans, Notice sur la vie et les travaux de N. de Keyser, Bruxelles, 1889.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'ortografia dei nomi propri è quella data da una pubblicazione (in olandese) del museo.
  2. ^ Fra i 23 pittori, Nicaise de Keyser rappresentò anche se stesso fra Ingres e Delacroix.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 34728648 LCCN: n89620333