New York City Boy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
New York City Boy
New York City Boy.png
Screenshot del video
Artista Pet Shop Boys
Tipo album Singolo
Pubblicazione 27 settembre 1999
Durata 5:16 (versione album)
3:20 (versione singola)
Album di provenienza Nightlife
Genere Dance pop
Disco
Etichetta Parlophone
Produttore Pet Shop Boys, David Morales
Registrazione 1998-1999
Formati CD, cassette, vinile
Pet Shop Boys - cronologia

"New York City Boy" è una canzone dei Pet Shop Boys, pubblicata come secondo singolo del loro album Nightlife nel Luglio 1999. Come il suo predecessore, il brano ottiene più successo negli Stati Uniti che in madrepatria, conquistando la 1ª posizione della classifica dance americana (53ª posizione nella classifica Hot Singles Sales). Nella UK Singles Chart non va oltre la 14ª posizione.

Fra i b-side del disco singolo vi è inclusa Casting a Shadow, brano strumentale scritto dai Pet Shop Boys sottorichiesta della BBC Radio 1, che venne trasmessa alla radio durante l'eclissi solare dell'11 agosto 1999. Nel CD2, la seconda versione del singolo, vi è incluso un video che mostra l'eclissi con sottofondo la canzone citata.

Il videoclip[modifica | modifica sorgente]

Il videoclip di New York City Boy fu girato in parte nel popolare locale Studio 54 di New York[1]. Il videoclip include, in un frammento, la famosa scena dell'entrata del cavallo bianco (che fece scalpore all'epoca)[2].

Tracce[modifica | modifica sorgente]

UK CD1: Parlophone[modifica | modifica sorgente]

  1. "New York City boy" (Radio Edit)
  2. "The Ghost of Myself"
  3. "New York City boy" (The Almighty Definitive Mix)
  4. "New York City boy" (video)

UK CD2: Parlophone[modifica | modifica sorgente]

  1. "New York City boy" (Album version)
  2. "Casting a Shadow"
  3. "New York City boy (Superchumbo's Uptown Mix)
  4. "Casting a Shadow" (Enhanced Eclipse Video Footage)

UK formato cassetta audio[modifica | modifica sorgente]

  1. "New York City boy" (Radio Edit)
  2. "The Ghost of Myself"
  3. "New York City boy" (The Almighty Definitive Mix)

US CD single: Parlophone/ Sire Records[modifica | modifica sorgente]

  1. "New York City boy" (Radio Edit)
  2. "New York City boy" (The Superchumbo uptown mix)
  3. "New York City boy" (The Superchumbo downtown dub)
  4. "New York City boy" (The Almighty definitive mix)
  5. "New York City boy" (The Almighty man on a mission mix)
  6. "New York City boy" (The Thunderpuss 2000 club mix)
  7. "New York City boy" (The Thunderdub)
  8. "New York City boy" (The Morales club mix)
  9. "New York City boy" (The Lange mix)

UK remix in doppio disco vinile: Parlophone[modifica | modifica sorgente]

  1. "New York City boy" (The Morales club mix)
  2. "New York City boy" (The Almighty man on a mission mix)
  3. "New York City boy" (The Lange mix)
  4. "New York City boy" (The Thunderpuss 2000 club mix)
  5. "New York City boy" (The Superchumbo donwtown dub)

UK remix in quattro dischi in vinile: Parlophone[modifica | modifica sorgente]

  1. "New York City boy" (Almighty definitive mix)
  2. "New York City boy" (Almighty man on a mission mix)
  3. "New York City boy" (Superchumbo's uptown mix)
  4. "New York City boy" (Superchumbo's downtown dub)
  5. "New York City boy" (The Morales club mix)
  6. "New York City boy" (Thunderpuss 2000 club mix)
  7. "New York City boy" (The Lange mix)

Posizioni in classifica[modifica | modifica sorgente]

Nazione Posizione
Austria[3] 40
Belgio[3] 20
Danimarca[4] 6
Finlandia[5] 4
Francia[3] 47
Germania 16
Paesi Bassi[3] 20
Svizzera[3] 20
Svezia[3] 9
Regno Unito 14
Stati Uniti Hot Dance Club Play 1
U.S. Billboard Hot Singles Sales 53[6]
U.S. Billboard Hot Dance Sales 4[7]

Referenze[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Official video
  2. ^ Pet Shop Boys — Product — New York City boy
  3. ^ a b c d e f Various peaks
  4. ^ Billboard: Hits of the World, November 20, 1999
  5. ^ Finnish PSB
  6. ^ La posizione si riferisce soltanto alle vendite. A causa di una quasi totale mancanza di copertura radiofonica, il singolo (così come i singoli I Don't Know What You Want But I Can't Give It Any More e Break 4 Love) non riuscì ad entrare nella Billboard Hot 100 statunitense, nonostante l'alta percentuale di vendite
  7. ^ Kings of the U.S. Dance Charts