Ondata di freddo e nevicata del febbraio 1956

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nevicata del 1956)

La nevicata del 1956 e la relativa ondata di freddo rappresentano un evento meteorologico di particolare rilevanza ed eccezionalità storica per dimensioni del fenomeno che colpì il continente europeo e l'Italia nell'inverno di quell'anno.

Nel mese di febbraio di quell'anno un'ondata eccezionale di freddo investì buona parte dell'Europa e dell'Italia, coprendola di neve e gelo con un'intensità tale da essere definita la "nevicata del secolo": costituì infatti l'evento nevoso più marcato e pesante dai tempi dell'inverno 1929 per tutta la penisola, ed i successivi fenomeni del gennaio 1985 e 1986, non meno rilevanti, non ne eguagliarono comunque l'estensione temporale e geografica.

Le cause e la durata del fenomeno[modifica | modifica sorgente]

Le principali variabili climatiche responsabili dell'evento consistettero nella discesa di un forte impulso gelido dalle alte latitudini (che determinò il raffreddamento iniziale in Europa settentrionale), nella formazione di un'intensa alta pressione termico siberiana sull'Europa centro orientale, in continue e decise espansioni dell'alta pressione delle Azzorre sul Circolo polare artico (che determinò continui afflussi freddi, i quali alimentarono il nocciolo freddo in Europa) e nella formazione di una depressione mediterranea chiusa, continuamente alimentata da aria artica proveniente dal nocciolo freddo europeo.

Questo insieme di fenomeni creò una situazione difficilmente ripetibile, in quanto è molto rara la coincidenza di tutte le variabili. Interessante anche notare come tutto avvenne senza episodi di riscaldamento stratosferico (stratwarming), di solito principali responsabili di repentini quanto intensi raffreddamenti dell'Europa centrale (1985, 1963).

Tale fenomeno ebbe anche una durata molto significativa, avendo inizio il 27 gennaio 1956 (quando un potente ammasso di aria fredda in quota e al suolo si staccò dalle alte latitudini per scendere verso la Scandinavia) raggiungendo in capo a due giorni la Svezia, la Finlandia, e poi vaste zone d'Europa, compresa l'Italia, che non uscì dalla morsa del gelo fino al 20 febbraio.

In Italia[modifica | modifica sorgente]

La fase critica in Italia inizia il 1º febbraio 1956 ed il 2 febbraio la Pianura padana è sotto l'isoterma -15 °C a 850 hPa, mentre la -20 °C abbraccia interamente le Alpi e bufere di neve interessano tutto il nord con particolare violenza in Toscana ed in Emilia-Romagna. Il freddo fu intenso non solo al suolo ma anche in quota, con l'isoterma di -35 °C a 500 hPa che raggiunse Roma, responsabile di una nevicata divenuta storica.

Già il 4 febbraio tutte le precipitazioni, in atto su buona parte dell'Italia, erano oramai nevose, e nuovi impulsi gelidi sulle regioni adriatiche (-40 °C a 500 hPa) raggiunsero il loro massimo il 7 febbraio, quando un potente nucleo gelido in quota colpì le regioni meridionali.

Bufere e temperature gelide, gelo e neve flagellarono queste regioni anche il giorno successivo, quando un nuovo minimo depressionario fra la Corsica e la Toscana provocò ancora intense nevicate a Roma e su tutto il centrosud. In quei giorni diverse nevicate con accumuli si spingono fin sulle coste siciliane. A Palermo le temperature minime scesero fino a 0 °C e la città venne imbiancata diverse volte da alcuni cm di neve. Nevicate interessarono anche le coste meridionali della Sicilia e la stessa isola di Lampedusa.[1] [2]

Il 13 febbraio giunsero nuove correnti gelide dalla valle del Rodano determinando temperature rigidissime in quota che avvolsero tutto il nord e determinarono intense nevicate che colpirono particolarmente le Marche, l'Umbria e la Toscana, spostandosi il giorno successivo verso il sud, mentre il gelo dominava sulle regioni centro settentrionali.

Gelo e precipitazioni insistettero ancora nei giorni successivi e nuove nevicate si ripeterono in particolare il 18 febbraio su tutto il centronord, ma nuovamente anche a Roma: la neve continuò fino al 20 febbraio.

Alcune temperature del periodo[modifica | modifica sorgente]

In quei giorni si toccarono temperature eccezionalmente rigide, come si evince dal seguente parziale elenco[3]:

Località Giorno °C
Plateau Rosà 11 febbraio -34,0
San Valentino alla Muta (Passo Resia) 11 febbraio -28,2
Dobbiaco 3 febbraio -27,4
Passo Rolle 15 febbraio -24,2
Paganella 15 febbraio -23,3
Tarvisio 15 febbraio -22,4
Monte Cimone 3 febbraio -21,8
Torino Caselle 12 febbraio -21,8
Bergamo 15 febbraio -20,1
Vicenza 15 febbraio -18,6
Verona 15 febbraio -18,4
Milano-Malpensa 13 febbraio -17,8
L'Aquila -17,8
Monte Terminillo 4 febbraio -17,2
Passo della Porretta 15 febbraio -16,9
Piacenza 15 febbraio -16,7
Treviso 10 febbraio -16,6
Monte Bisbino 11 febbraio -16,5
Bolzano 15 febbraio -15,6
Milano-Linate 16 febbraio -15,6
Passo della Cisa 15 febbraio -15,6
Padova 16 febbraio -15,4
Passo dei Giovi 16 febbraio -14,8
Rifredo Mugello 3 febbraio -14,8
Brescia 3 febbraio -14,6
Trieste 10 febbraio -14,6
Aviano 16 febbraio -14,4
Bologna 14 febbraio -14,4
Rimini 16 febbraio -14,2
Ravenna-Punta Marina 15 febbraio -14,0
Ferrara 16 febbraio -12,8
Torino-Bric della Croce 10 febbraio -12,8
Pescara 17 febbraio -12,6
Monte Scuro 8 febbraio -12,2
Firenze 16 febbraio -11,4
Pisa 15 febbraio -11,2
Venezia-San Nicolò 10 febbraio -11,1
Albenga 15 febbraio -11,0
Mondovì 11 febbraio -10,8
Frontone 15 febbraio -10,0
Trevico 5 febbraio -9,8
Grosseto 16 febbraio -9,5
Fonni 3 febbraio -9,4
Latronico 9 febbraio -9,0
Potenza 9 febbraio -8,4
Monte Sant'Angelo 8 febbraio -8,2
Crotone 9 febbraio -7,7
Prizzi 8 febbraio -7,2
Roma-Ciampino 16 febbraio -6,9
Bracciano-Vigna di Valle 16 febbraio -6,5
Genova 10 febbraio -6,1
Catania 6 febbraio -5,6
Enna 7 febbraio -5,4
Roma-Urbe 16 febbraio -5,4
Napoli 9 febbraio -4,5
Termoli 16 febbraio -3,4
Cagliari 3 febbraio -3,2
Guardiavecchia 4 febbraio -3,0
Alghero 4 febbraio -2,5
Bari Palese 15 febbraio -2,0
Capo Palinuro 9 febbraio -2,0
Lecce Galatina 9 febbraio -1,9
Brindisi 9 febbraio -1,6
Capo Bellavista 3 febbraio -1,5
Isola di Capri 8 febbraio -1,5
Santa Maria di Leuca 9 febbraio -1,4
Isola di Ponza 8 febbraio -0,5
Capo Carbonara 3 febbraio -0,4
Messina 9 febbraio 0,0
Palermo 8 febbraio 0,0
Cozzo Spadaro 9 febbraio +0,1
Pantelleria 3 febbraio +0,4
Ustica 9 febbraio +0,5
temperature minime registrate in alcune città italiane nell'inverno del 1956.

Citazioni della nevicata[modifica | modifica sorgente]

A Roma si verificarono delle nevicate che, per intensità e durata, rimasero storiche: nevicò il 2, il 9, il 18 e il 19 febbraio; per quattro giorni consecutivi le temperature rimasero sotto lo zero; il 12 febbraio si registrò una nevicata di ben 12 cm.

Questo evento è stato ricordato nelle canzoni "Nevicava a Roma" interpretata da Renato Rascel e da Pio al Festival di Sanremo 1970 e "La nevicata del '56" di Franco Califano Luigi Lopez e Carla Vistarini, interpretata da Mia Martini al Festival di Sanremo 1990 dove vinse il Premio della Critica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dati meteo giornalieri di Palermo e la Sicilia nel 1956
  2. ^ Storia delle nevicate di Palermo dal 2° dopoguerra
  3. ^ SCIA Sistema nazionale per la raccolta, l'elaborazione e la diffusione di dati climatologici di interesse ambientale

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


meteorologia Portale Meteorologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meteorologia