Neurolinguistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La neurolinguisticaè una scienza interdisciplinare che applica teorie, metodi, strumenti e tecniche della linguistica, della psicolinguistica, della psicologia dello sviluppo, della psicobiologia e delle neuroscienze cognitive. Il suo obiettivo primario consiste nello studio dei correlati anatomo-funzionali del linguaggio, del suo sviluppo, della sua perdita e riabilitazione in seguito a lesioni cerebrali. Questi obiettivi vengono conseguiti su più fronti. Da un lato, quella che potremmo definire "neurolinguistica sperimentale" tenta di individuare i network neurali alla base della elaborazione del linguaggio mediante l'ideazione di esperimenti in cui soggetti sani o pazienti con lesioni cerebrali devono eseguire specifici compiti linguistici mentre la loro attività cerebrale viene rilevata con strumenti come ad esempio la risonanza magnetica funzionale (fMRI, dall'ingl. Functional Magnetic Resonance Imaging), la tomografia a emissione di positroni (PET, dall'ingl. Positron Emission Tomography), l' elettroencefalogramma (EEG), la magnetoencefalografia (MEG, dall'ingl. Magneto-encephalography) o alterata temporaneamente mediante somministrazione di impulsi magnetici (come nel caso della stimolazione magnetica transcranica, TMS dall'ingl. Transcranic-magnetic stimulation). Dall'altro quella che potremmo definire "neurolinguistica clinica" che si occupa invece di analizzare il disturbo linguistico acquisito o congenito nel paziente cerebroleso o con ritardo intellettivo.

Il termine neurolinguistique viene utilizzato per la prima volta da Henry Hécaen in un articolo del 1968 (L'aphasie). Hécaen la descrive come un ramo della neuropsicologia concentrato sullo studio dei deficit linguistici, i cui obiettivi sono:

  • descrizione e classificazione dei deficit sulla base delle loro cause (accertate o ipotizzate);
  • identificazione e correlazione tra tali deficit e aree lesionate

La neurolinguistica nasce come disciplina indipendente nel 1985, con il primo numero di Journal of Neurolinguistics.


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Marini, A. Manuale di Neurolinguistica. Fondamenti teorici, tecniche di indagine, applicazioni. Roma: Carocci, 2008

Nicolai, F. Argomenti di neurolinguistica. Normalità e patologia del linguaggio. Pisa: Ed. Del Cerro, 2003.

Nicolai, F. Linguaggio d'azione. Tra linguistica e neurolinguistica. Pisa: Ed. Del Cerro, 2006.

Fabbro F. Il cervello bilingue. Roma: Astrolabio, 1996.

Aglioti S.M. e Fabbro, F. Neuropsicologia del linguaggio. Il Mulino, 2006.

Paradis M. A Neurolinguistic Theory of Bilingualism. Amsterdam: Benjamins, 2004.

Fabbro F. The Neurolinguistics of Bilingualism. London: Taylor and Francis, 1999.

Fabbro F. Advances in the Neurolinguistics of Bilingualism. Udine: Forum, 2002.

Lurjia, A. R. Problemi fondamentali d neurolinguistica. Roma: Armando Editore, 1978.

Denes, G. e Pizzamiglio, L. Manuale di neuropsicologia. Bologna: Zanichelli, 2000.

Rapp, B. (a cura di) Handbook of cognitive neuropsychology. Psycology Press, 2000.

Gazzaniga M.S., Ivry R.B., Mangun G.R. Neuroscienze cognitive. Bologna: Zanichelli, 2005.

Pinker S. L’istinto del linguaggio. Milano: Mondadori, 1996.

Kandel E.R. et al. Fondamenti delle neuroscienze e del comportamento. Casa Editrice Ambrosiana, 1999.

Mazzucchi, A. La riabilitazione neuropsicologica. Ed. Masson, 1999.

Marini, A. Elementi di Psicolinguistica Generale. Milano: Springer, 2001.

Fabbro, F. Neuropedagogia delle lingue. Roma: Astrolabio, 2004.

Marini A. e Carlomagno, S. Analisi del discorso e patologia del linguaggio. Milano: Springer, 2004.

Marini A. e Nocentini, U. Comunicazione verbale e emisfero destro. Milano: Springer, 2003.

Fabbro F. Concise Encyclopedia of Language Pathology. Oxford: Pergamon, 1999.

Lebrun Y., Fabbro F. Language and Epilepsy. London: Whurr, 2002.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]