Netsukuku

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Netsukuku[1] è un sistema di routing sperimentale di tipo peer-to-peer, sviluppato dal FreakNet MediaLab, nato per costruire una rete diffusa e distribuita, non centralizzata, anonima, anarchica, non controllabile, ed autonoma, non necessariamente separata da Internet, senza il supporto di alcun server, ISP e di alcuna autorità centrale. Scopo di Netsukuku è far sì che chiunque, in qualunque luogo e in qualsiasi momento possa agganciarsi immediatamente alla rete senza dover passare attraverso adempimenti burocratici o contrattuali. Questa rete parallela dovrebbe basarsi sulle future generazioni di reti senza fili, che avendo una portata di diversi chilometri permetterebbero la realizzazione di una rete diffusa. Allo stato attuale Netsukuku funziona in overlay alla tradizionale infrastruttura Internet. Gli algoritmi di Netsukuku sono basati sulla teoria matematica dei frattali.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Netsukuku è una rete di tipo peer-to-peer. Ogni nodo agisce da router. La rete supporta un massimo di 2128 nodi della rete, usando un algoritmo di routing sperimentale, che sfrutta alcune proprietà dei frattali per ridurre la dimensione della mappa della rete e la potenza di calcolo richiesta. L'assegnazione degli indirizzi IP è casuale, rendendo impossibile collegare l'indirizzo con la localizzazione fisica di un computer, migliorando la privacy dei singoli nodi. I nodi non hanno privilegi o limitazioni rispetto ad altri nodi.

Il protocollo di rete per il routing dinamico di Netsukuku è chiamato Npv7 HT, e struttura l'intera rete come un frattale, usando un particolare algoritmo chiamato Quantum Shortest Path Netsukuku (QSPN) per calcolare tutte le rotte necessarie a collegare un nodo ad ogni altro nodo.

La rete non usa i tradizionali server DNS, bensì "A Netsukuku domain name architecture"[2] (ANDNA), un sistema distribuito, non gerarchico e decentralizzato, di gestione degli indirizzi della rete. Il database di ANDNA è incluso nel sistema Netsukuku e quindi ogni nodo include un database ANDNA, che può occupare al massimo 355 kilobyte di memoria. Semplificando, ANDNA funziona nel seguente modo: per risolvere un nome simbolico l'host applica una funzione Hash sul nome. La funzione Hash restituisce un indirizzo che l'host contatta chiedendo la risoluzione dell'indirizzo generato dall'hash. Il nodo contattato riceve la richiesta, ricerca nel proprio database ANDNA l'indirizzo associato al nome e lo restituisce all'host richiedente. La registrazione avviene in un modo simile. Per esempio supponiamo che il nodo X voglia registrare l'indirizzo FreakNet.andna, X calcola l'hash del nome e ottiene l'indirizzo 11.22.33.44 associato al nodo Y. Il nodo X contatta Y chiedendo la registrazione dell'hash 11.22.33.44 al proprio indirizzo. Y memorizza la richiesta nel proprio database e ad ogni richiesta di risoluzione dell'hash 11.22.33.44 risponderà con l'indirizzo di X. Il protocollo ovviamente è più complesso dato che il sistema prevede una gestione a chiave pubblica/privata per autenticare gli host e impedire modifiche non autorizzare dei database ANDNA. Inoltre il protocollo prevede la ridondanza dei database per rendere il protocollo resistente ad eventuali guasti e prevede anche la migrazione dei database nel caso la topologia delle rete si modifichi. Il protocollo non prevede la possibilità di revocare un nome simbolico, questo dopo un certo periodo di inattività (attualmente 3 giorni) viene semplicemente cancellato dal database. Il protocollo inoltre impedisce ad un singolo host di registrare un numero eccessivo di nomi simbolici (allo stato attuale 256 nomi) in modo da impedire a degli spammer di memorizzare un elevato numeri di termini di uso comune o di effettuare azioni di cybersquatting.

Il tutto gira sotto sistema operativo GNU/Linux ed è rilasciato sotto licenza GNU GPL. Il progetto Netsukuku è nato nel 2005. Da allora la rete non è mai stata testata su larga scala (10.000 nodi o più), ed è disponibile solo una versione beta open source che denota pesanti ed evidenti problemi nell'installazione e nel funzionamento.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) official WebSite
  2. ^ NTSKK - codice segreto rivoluzione

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Telematica Portale Telematica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di reti, telecomunicazioni e protocolli di rete