Nestor di Pečerska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Nestor di Pečerska
Scultura di Mark Matveevič Antokol'skij raffigurante il monaco Nestor
Scultura di Mark Matveevič Antokol'skij raffigurante il monaco Nestor

Monaco

Nascita 1056
Morte 1114
Venerato da Chiesa ortodossa russa
Ricorrenza 27 ottobre (9 novembre)

Nestor di Pečerska, detto anche Nestor di Kiev o Nestor il cronista (1056 circa – 1114 circa), fu un monaco, scrittore e storico ucraino ed è venerato come santo dalle Chiese ortodosse.

È reputato autore delle Cronache degli Slavi orientali, delle Vite di San Teodosio, e di Boris and Gleb (1079-1088) e delle Letture. Viene venerato come santo dalla Chiesa ortodossa ed è ricordato il 27 ottobre e il 9 novembre.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nestor, che ha lasciato molte informazioni dei monaci che con lui vivevano nel monastero di Pečerska, non ci ha tuttavia fornito informazioni riguardo alla propria biografia.

Il poco che si sa della sua biografia proviene dalle sue opere, in particolare in quelle in cui, raccontando la vita dei suoi contemporanei, Teodosio di Pečerska e Antonio, descrive la vita all'interno del monastero della Pečerska Lavra, in cui vivrà dal 1073 fino alla sua morte, prima come semplice monaco e successivamente in qualità di diacono. Sappiamo ad esempio che partecipò alla traslazione delle reliquie di san Teodosio il 14 agosto 1092 e che al loro ritrovamento, come ci comunica lo stesso Nestor, le spoglie si presentavano incorrotte (attributo di gran parte dei santi ortodossi).

Letterato e padrone della lingua slava e dell'alfabeto cirillico, introdotti in russia dai santi Cirillo e Metodio insieme alla religione ortodossa, è assai probabile che si sia formato nelle scuole aperte a Kiev dal principe Vladimir I e che ivi abbia studiato fino all'età di 17 anni, epoca in cui l'abate Stefano lo consacrò monaco del monastero delle grotte. Sappiamo inoltre, per sua stessa ammissione, che ha studiato le opere dei filosofi e dei padri della Chiesa da lui rinvenute nella cattedrale di Santa Sofia a Kiev facendo con ciò presupporre che conoscesse il greco.

Per quel che concerne il suo pensiero politico sappiamo che supportò il principe regnante Svjatopolk II e la sua fazione pro-scandinava e che combatté aspramente il propagarsi della cultura greca a Kiev.

Le sue reliquie sono esposte nelle grotte presso il monastero della Pečerska Lavra.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 89002593 LCCN: n84025060