Nessuno dovrà saperlo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nessuno dovrà saperlo
Autore Bruno Zanin
1ª ed. originale 2006
Genere romanzo
Lingua originale italiano

Nessuno dovrà saperlo è il primo romanzo a carattere autobiografico di Bruno Zanin, Tullio Pironti editore, Napoli 2006, menzione speciale premio letterario Città di Latisana per il Nord Est. La quarta di copertina è di Raffaele La Capria. Più che il racconto d'una infanzia innocente, d'una adolescenza violentata e di una giovinezza infelice, questo è un libro di espiazione e redenzione, il libro di un'anima ferita e di una coscienza incapace di perdonarsi. In ogni riga si sente il tormento, il bisogno di dire di sé tutta la verità, anche la più infamante, perché tutto va detto e tutto va registrato se si vuole arrivare alla resa dei conti. Ma questo è anche un libro con una sua poesia nascosta che affiora quasi all'insaputa dell'autore e racconta del tempo ormai perduto, quando col nonno, lui bambino, andava in visita alla villa padronale portando il tributo dovuto al padrone, descrive i suoni, i rumori e i colori della campagna e i ricordi di un Veneto agreste non ancora travolto dalla modernità e dalla smania di arricchirsi e la vita del contadino non ancora trasformato in padroncino. Ed è ancora un libro di realismo aspro e crudele, che non nasconde nulla e nulla abbellisce dei rapporti etero e omosessuali e dei loro risvolti, anche quelli più scabrosi e violenti subiti da bambino. L'autore è stato anche attore, ha recitato in diversi film e opere teatrali, nel celebre Amarcord di Federico Fellini che nel 1975 ha guadagnato l'Oscar come miglior film straniero, interpretava il ruolo di Titta Biondi.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura