Neri I Acciaiuoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Neri Acciaiuoli I)
Neri I Acciaiuoli
Duca di Atene
In carica 1388 –
1394
Predecessore Maria di Sicilia
Successore Antonio I Acciaiuoli
Trattamento Sua Grazia
Dinastia Acciaiuoli
Padre Jacopo Acciaiuoli
Madre Bartolomea Ricasoli
Consorte Maria Rendi
Religione cattolicesimo

Neri I Acciaiuoli (... – Atene, 25 novembre 1394) fu primo duca di Atene della famiglia Acciaiuoli.

Era figlio di Jacopo Acciaiuoli e fratello di Donato Acciaiuoli di Cassano, Giovanni Acciaiuoli, arcivescovo di Patrasso e Angelo Acciauoli vescovo di Firenze.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu chiamato da Firenze a Napoli dallo zio, che lo adottò e gli lasciò grandi ricchezze. Nel 1371 acquistò da suo cugino Angelo la città di Corinto, quale pegno di un prestito. In seguito riuscì a sottrarre ai Catalani vari possedimenti in Grecia, quali Livadia, Platea, Tebe, Megara e Sicione (1388). Il 5 marzo, dopo un lungo assedio, riuscì ad impadronirsi di Atene a scapito dei Catalani, mentre nel dicembre dello stesso anno occupò Argo e Nauplia: Argo la cedette al genero Teodoro I Paleologo, mentre tenne per sé Nauplia, prima di restituirla ai Veneziani nel giugno 1389.

Il Re di Napoli allora gli concesse il titolo di Duca di Atene e di Signore di Tebe, Corinto, Megara e Platea. Nel 1390 si impossessò anche del Ducato di Neopatria. Nel 1391 iniziò le trattative con gli emissari di Amedeo di Savoia-Acaia (13631402) per ottenerne l'aiuto contro la Compagnia Navarrese[1] condotta da Pedro Bordo de San Superano, che occupava parte della Morea. L'accordo fu raggiunto (in cambio dell'aiuto di Amedeo, Neri ne riconesceva la sovranità sull'Acaia dichiarandosi suo feudatario e vassallo) non diede risultati pratici a causa della morte di Amedeo.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Non è chiaro con chi si sposò (Agnese Saraceni secondo il Petrucci, che riprendeva l'Hopf, oppure Eubilla Doria secondo il Litta), ebbe comunque due figlie:

  • Bartolomea (1370 – 1397), che diede in sposa al principe Teodoro I Paleologo, despota della Morea, nel 1385 (cedendole la signoria di Corinto);
  • Francesca († post 1430), maritata al nobile Carlo I di Tocco, alla quale lasciò le signorie di Megara e Sicione.

Ebbe inoltre un figlio naturale:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si trattava di una compagnia di ventura, mercenari organizzati che si offrivano come truppe ai vari signori dietro compenso. La Compagnia Navrrese, composta prevalentemente da navarresi e guasconi, viene così chiamata dal nome del suo fondatore, Carlo II di Navarra che la costituì per combattere contro Carlo V di Francia. Conclusasi nel 1366 la pace fra i due contendenti, la compagnia si trasformò in esercito mercenario permanente ad opera del fratello di Carlo II, Luigi, conte di Beaumont-le-Roger e conte di Durazzo per diritto acquisito sposando quello stesso anno Joanna (13441387) figlia di Carlo, duca di Durazzo (13231348)
Predecessore
Maria di Sicilia
Duca di Atene
Armoiries Famille Acciaiuoli.svg

1388-1394
Successore
Antonio I Acciaiuoli

Controllo di autorità VIAF: 57415348

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie