Nereto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nereto
comune
Nereto – Stemma
Vista panoramica di Nereto dal colle di San Savino
Vista panoramica di Nereto dal colle di San Savino
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Teramo-Stemma.png Teramo
Amministrazione
Sindaco Giuliano Di Flavio (Lista Civica "Nereto democratica" / centrosinistra) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 42°49′12″N 13°49′01″E / 42.82°N 13.816944°E42.82; 13.816944 (Nereto)Coordinate: 42°49′12″N 13°49′01″E / 42.82°N 13.816944°E42.82; 13.816944 (Nereto)
Altitudine 163 m s.l.m.
Superficie 7,01 km²
Abitanti 5 141[1] (31-12-2010)
Densità 733,38 ab./km²
Frazioni Capo di Valle, Certosa, Parignano, Pignotto, Rote, San Martino, San Savino, Vibrata
Comuni confinanti Controguerra, Corropoli, Sant'Omero, Torano Nuovo
Altre informazioni
Cod. postale 64015
Prefisso 0861
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 067031
Cod. catastale F870
Targa TE
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 489 GG[2]
Nome abitanti neretesi
Patrono san Martino
Giorno festivo 11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nereto
Posizione del comune di Nereto all'interno della provincia di Teramo
Posizione del comune di Nereto all'interno della provincia di Teramo
Sito istituzionale
« ...ad un tratto appare Nereto, biancheggiante fra gli alberi, con un campanile acuto, una cupola e una torre. La tradizione racconta che il suo territorio produceva tanto vino e tale che Annibale lo usò per rinforzare le truppe spossate e per lavare i cavalli allo scopo di liberarli da malattie contratte nelle paludi del Trasimeno... »

Nereto è un comune italiano di 5.123 abitanti[3] della provincia di Teramo in Abruzzo.

Sorge su una collinetta al centro della Val Vibrata distante circa 10 km dalla costa adriatica e 50 km dal massiccio montuoso del Gran Sasso d'Italia. Il capoluogo di provincia è raggiungibile in appena 35 km ed è ben collegato anche con la regione Marche dalle cui principali città di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto dista circa 25 km.

A Nereto ha sede la presidenza dell'Unione di Comuni "Città - Territorio Val Vibrata".

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Superficie: 7,0 chilometri quadrati. Altezza sul livello del mare: 163 metri. Altezza minima: 81 metri. Altezza massima: 229 metri. Escursione altimetrica: 148 metri.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Nereto.

La stazione meteorologica si trova nell'area climatica dell'Italia centrale, dove vi è situato l'intero territorio regionale dell'Abruzzo, in provincia di Teramo, nel comune di Nereto, a 163 metri s.l.m.

In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +6,6 °C; quella dei mesi più caldi, luglio e agosto, è di +24,9 °C.

NERETO Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 9,8 11,3 14,3 18,5 23,1 27,3 30,4 30,3 26,6 21,0 15,2 12,0 11,0 18,6 29,3 20,9 20,0
T. min. mediaC) 3,5 3,7 6,2 9,3 13,0 16,9 19,4 19,5 16,7 12,5 8,5 5,5 4,2 9,5 18,6 12,6 11,2

Storia[modifica | modifica sorgente]

Varie sono le ipotesi sull'origine del toponimo Nereto; Nicola Palma lo fa derivare dal greco Νὴρος, luogo basso ed umido, altri da Νηρίτος, luogo boscoso ed ameno o dal fiume dalmata Naretwa o Narenta, da cui la dizione dialettale di Narèta; Neretum è il toponimo latino, relitto del sostrato mediterraneo e potrebbe riflettere la base *nar /*ner diffusa dall'Iberia all'Illiria e alla Grecia, indicante probabilmente "acqua" e presente in alcuni idronimi (cfr. il fiume Nera).

Vista Piazza Cavour e Chiesa Maria SS. del Suffragio di Nereto

Nereto, come molti centri della vallata vanta origini molto antiche, risalenti fino al neolitico; secondo lo studioso neretese Giuseppe De' Guidobaldi Speranza i primi abitatori furono i Siculi, originari della Grecia, mentre l'appartenenza di Nereto all'Agro Truentino viene confermata da Nicola Palma. In età Romana il centro abitato sorgeva nell'odierna contrada S. Martino ed il suo nome era Vicus Gallianus, probabilmente possedimento di un certo Gallio o Galliano, a cui era stato concesso per meriti militari. La caduta dell'impero Romano d'occidente e gli eventi che ne seguirono sconvolsero luoghi e culture. Così, l'antico nucleo abitato, distrutto, fu ricostruito più a nord, incastellato proprio dove si trova attualmente, originando così "Casale Nereti". Lo storico ascolano Antonio Marcucci, abate, nel suo settecentesco Saggio delle cose Ascolane e de' Vescovi di Ascoli Piceno afferma che lo stesso Carlo Magno, di passaggio in Ascoli alla volta di Roma per l'incoronazione, in data 5 agosto dell'anno 800, EGO KAROLUS conferiva «...col mero e misto imperio, Nereto al Capo Emidio di Wenderando ed al Senato, Ancarano al Vescovo Justolfo e Maltignano all'Arcidiacono Rinaldo ed al Capitolo». Dopo l'anno 1000 giunsero in queste terre i monaci benedettini che introdussero il culto di S. Martino edificando una chiesa in onore del Santo sui ruderi del Vico Galliano. Nel frattempo questo territorio, che dai tempi di Augusto aveva fatto parte del Piceno, fu unito dai Normanni al Regno di Napoli, divenendo così zona di frontiera: fu infatti re Ruggero II a fissare il confine del regno sul fiume Tronto. L'antico Casale Nereti si trasformò, allora, nel più importante Castrum Nereti, acquisendo anche funzioni difensive.

Durante le lotte tra Guelfi e Ghibellini, ai tempi di papa Urbano IV e di re Manfredi, Nereto parteggiava per i Guelfi, come attestava una iscrizione, ormai perduta, murata nella parte orientale del castello. Il 24 dicembre 1279, in epoca angioina, Nereto fu data in feudo ad Amelio de Agoto Courban, signore di Colonnella. Nel 1383 Carlo III, re di Durazzo, vendette alcune terre, fra cui Nereto, per 14.000 ducati al comune di Ascoli. Il 12 settembre 1385 Ascoli riprese possesso materiale del castello "Nereti" ricevendone le chiavi e interrompendo così la parentesi Normanno-Svevo-Angioina. È da notare il notevole sforzo economico che Ascoli sostenne per riappropriarsi della sua Storica Baronia del piceno vibratiano, sempre insidiata dalla Signoria degli Acquaviva di Atri dalla vicina e fedele Corropoli, tant'è che Ascoli dovette continuamente tutelare la sua sovranità e prova ne sono i diplomi di conferma del 1461 di Ferdinando I, del 1508 di Ferdinando III, del 1530 di Carlo V: il feudo neretese, così come quelli di Maltignano ed Ancarano, era di vitale importanza per gli Ascolani vista la conflittualità con Fermo che da nord comprimeva spesso con successo il suo spazio vitale.

Monumento al Multiculturalismo dello scultore neretese Francesco Perilli sito all'ingresso del paese di Nereto.

Nei primi anni del '400, re Ladislao, Signore di Ascoli, per motivi difensivi, diede il suo assenso alla ricostruzione del castello di Nereto, che sotto la dominazione ascolana, veniva governato dal Consiglio degli Anziani. Sotto tale amministrazione, il paese si trovava in una posizione di privilegio rispetto agli altri castelli della Val Vibrata, che erano, invece, sottoposti al dispotismo ed allo sfruttamento dell'amministrazione feudale. La forma del governo era collegiale, composta dal governatore, ascolano, detto anche "sindacato" e da due "sindacatori", di Nereto, eletti dagli stessi neretesi. Era sicuramente presente una qualche forma di assemblea popolare visto che ancora in una pianta ottocentesca esisteva Via Arringo, e l'arengo era appunto un consiglio dei capifamiglia. Questa forma di governo rappresentava una difesa dei diritti e un controllo di doveri per i cittadini assicurando loro una certa libertà nelle attività socio-economiche. Fu così che il paese crebbe e si sviluppò, ebbe il diritto di esercitare la giustizia, far leggi, percepire balzelli, eleggere il potestà ed avere diritto a possedere altri importanti uffici, e cosa più importante non sottostava in maniera diretta al dispotismo di un nobile locale, ciò determinava soprattutto una minore pressione fiscale, tanto che il paese fu appunto "Terra Regia" fino all'eversione della feudalità del 1806. L'influenza degli Ascolani oltre che nel dialetto, praticamente uguale, la si riscontra anche nel toponimo parignano che indica in entrambe i luoghi, un campo in origine fuori dalle mura, e nel compatrono di Nereto, Sant'Emidio.

Dal bilancio di previsione di spesa per l'anno 1541-1542, redatto a Napoli, risulta che la terra di Nereto, di 102 fuochi (ogni fuoco corrispondeva mediamente a 5 persone), godeva di esenzione fiscale; dal 1532 al 1736, il paese passò da 102 fuochi a 161.

Palazzo Municipale di Nereto.

Non ci sono documenti che attestino la data precisa della fine dell'amministrazione ascolana su Nereto e del passaggio dello stesso al Regno di Napoli, probabilmente avvenuto sullo scorcio del '600, visto che nel 1680 Nereto figura Baronìa di Ascoli sulla carta topografica della Marca di Ascoli e i suoi confini di Odoardi Odoardo De Carillini.

Quando Nereto tornò al Regno di Napoli, la giustizia venne esercitata da regi governatori che vi ebbero residenza fino al 1806; nel 1807, con l'occupazione francese, questi cedettero il posto ai Giudici di Pace e di Circondario che scelsero Nereto come residenza. Il Circondario comprendeva oltre al nostro paese Corropoli, Controguerra, S. Omero e Torano. Nel 1700 Nereto rivestiva grande prestigio nella regione sia per le nobili famiglie che vi risiedevano, sia per le importanti funzioni assunte anche nell'ambito dell'amministrazione borbonica; l'abitato si estese verso sud e la popolazione crebbe. Nel 1796, durante l'invasione napoleonica, nei paesi di confine erano stanziati i reggimenti Puglia, Regina e Real Napoli. La truppa era comandata dal generale Pignatelli Cerchiara che fissò il suo quartier generale a Nereto e nella Badia di Corropoli. Con la caduta di Napoleone, il paese tornò al governo borbonico che non riuscì, però, a soffocare i nuovi fermenti rivoluzionari di indipendenza e libertà, che diedero vita ai moti carbonari e al Risorgimento.

Il 13 ottobre 1860 le truppe piemontesi di Vittorio Emanuele II, comandate dal generale Cialdini, passarono il Tronto ed entrarono nel Regno di Napoli, mentre i paesi della valle erano, comunque, insorti. Dopo l'Unità d'Italia, il primo Sindaco di Nereto fu Giovanni Di Francesco, seguito da esponenti delle famiglie Guidobaldi, Ranalli, Partenope e Santoni.

Dopo il 1860 il centro abitato si estese, furono istituite scuole ed opere di assistenza, nel 1871 fu fondata una delle prime Casse di Risparmio della provincia e anche una Banca Popolare Cooperativa. Nereto divenne capoluogo di Mandamento, ebbe la Pretura, l'Ufficio del Registro, la sezione di Cattedra Ambulante di Agricoltura e la Sede della Tenenza dei Carabinieri.

Chiesa di San Martino di Tours di Nereto

Sorsero inoltre una Casa di cura, uno stabilimento di tessitura, tre calzifici, fabbriche di mobili in legno, due tipografie, una centrale telefonica, la fabbrica del ghiaccio, un pastificio, un lanificio, un oleificio, uno stabilimento bacologico e uno di laterizi.

Al centro dell'abitato troviamo la chiesa parrocchiale di Maria Ss. della Consolazione, la chiesa di S. Maria del Suffragio e la chiesa di Maria Ss. Addolorata. Ai margini del moderno centro abitato possiamo ammirare la chiesa di S. Martino e la chiesa intitolata a S. Rocco. Lungo la circonvallazione orientale è la Fontana vecchia, costruita nel 1881, con tre nicchie ornate da bocche di fontana a mascheroni, lavatoio e abbeveratoio.

Effetti del Terremoto dell'Aquila del 6 aprile 2009[modifica | modifica sorgente]

Il 6 aprile 2009, alle ore 3.32, durante l'evento sismico che ha colpito l'Abruzzo con magnitudo Richter 5,8, anche Nereto, a circa 88 km dall'Aquila, ha risentito dell'effetto della scossa. Nonostante non ci siano stati danni ingenti e vittime, il terremoto non ha risparmiato l'antica Chiesa di San Martino di Tours, gioiello artistico del luogo e di tutto l'Abruzzo. Malgrado fosse stata restituita al culto soltanto 11 anni prima nel 1998 dopo una lunga e minuziosa opera di restauro, la struttura non ha retto alle sollecitazioni del sisma e ha subito crepe e danni che hanno costretto le autorità a dichiararne la totale inagibilità.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Nella centrale piazza Cavour, modificata negli ultimi anni con l'aggiunta di una fontana, si trova la chiesa del Suffragio. Oltre alla chiesa del Suffragio ci sono altre tre chiese principali, la Chiesa Madre, in cui si svolgono di solito le più importanti funzioni religiose, ampliata nell'Ottocento, restaurata nel Novecento, si presenta uno stile neoclassico con un bel campanile in cotto, di epoca tardo rinascimentale

La chiesa dell'Addolorata riedificata nell''800 in quella che all'epoca si chiamava via del Sole, oggi via Gramsci, dalla demolizione dell'originaria sita nella centrale piazza del carbone, pur se in centro versa purtroppo in stato di quasi abbandono. Poi c'è la chiesa di S.Martino, in onore del patrono di Nereto. Quest'ultima è aperta solo in rare occasioni, come la festa dell'omonimo santo, è di un sicuro valore storico ed architettonico, menzionata già nel XII secolo, ottimamente restaurata di recente, patisce però gli interventi del Settecento e dell'Ottocento Da ricordare anche la piccola Chiesa di San Rocco (protettore dalla peste) anche lei come la vicina chiesa dell'Addolorata praticamente dimenticata (ex Via Galliano oggi Via Matteotti) una volta fuori dal paese per permettere la fruizione ai malati ed al tempo stesso come simbolico baluardo contro la peste. La Fontana Vecchia (fulcro del Paese nei tempi passati) contigua al vecchio quartiere rinascimentale abbattuto nel dopoguerra di cui restano purtroppo solo alcune porzioni dove è stato realizzato un anfiteatro in cui si svolgono le manifestazioni teatrali estive.

Il Monumento al Multiculturalismo, posto oggi all'ingresso della cittadina, opera dello scultore e pittore neretese Francesco Perilli, e inaugurato nel 1988 alla presenza dell'On.le Laureano Leone, deputato dell'Ontario (Canada) alla cerimonia di gemellaggio di Nereto con Toronto. Infatti la stessa opera è stata realizzata in America (Toronto, Canada); in Europa (Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina); in Asia (Changchun, Cina); in Africa (Buffalo City).

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Dialetto[modifica | modifica sorgente]

Il dialetto neretese è considerato, al pari degli altri dialetti della Val Vibrata, una parlata di confine tra quelle "ascolane" e quelle puramente "abruzzesi": gli influssi ascolani sono qui molto più evidenti rispetto ad altri centri anche più vicini al confine marchigiano, e sono dovuti sicuramente alla dominazione ascolana che interessò esclusivamente questo centro per più secoli, e probabilmente per la presenza di governatori ascolani, favorì il diffondersi di un idioma che, pur non differendo notevolmente da quello teramano, fu recepito dai locali come più evoluto e "pulito" e per questo adottato, come d'altronde è avvenuto in numerose altre località d'Italia, come Roma, che nel corso dei secoli di dominazione pontificia modificò notevolmente la sua parlata, abbandonando quegli aspetti più "ciociari" per acquisire un timbro più "toscano".

È infatti presente come ad Ascoli il fenomeno dell'apocope dei suffissi "no" "ni" "ne" (ad es. balcó per "balcone"), la conservazione della -a finale in molti vocaboli, mentre nei centri vicini, come Corropoli o Controguerra tende a cadere più spesso, la metafonesi sannita di -u ed -i che viene dittongata (cìendë per "cento"), e una pronuncia delle vocali più "picena", con una netta distinzione tra vocali chiuse e quelle aperte.

Insomma questi fenomeni saranno probabilmente dovuti alla dominazione ascolana, tant'è vero che nella vicina Corropoli, che fu invece feudo degli Aquaviva di Atri, sono molto più attenuati fin quasi a scomparire, e le vocali assumono un timbro decisamente più aperto.

Miracolo del 22 dicembre 1798[modifica | modifica sorgente]

Chiesa Madre di Nereto intitolata alla Madonna della Consolazione.

Alcuni cittadini neretesi, a seguito di una violenza compiuta da un manipolo di soldati francesi su alcune donne del paese, reagirono uccidendo coloro che avevano compiuto l'insano gesto. Questa reazione suscitò l'ira dell'intero esercito, il quale per vendicarsi aveva deciso di attaccare Nereto. A notte fonda, quando stavano arrivando i soldati, una vecchietta che stava pregando in chiesa se ne accorse e salita sul campanile suonò le campane come segno d'allarme... Un esercito di angeli apparve dal nulla all'esercito francese, che fuggì in preda al terrore. Questa leggenda è rappresentata con delle incisioni sulla campana posta davanti alla Chiesa Madre.

Statua della Madonna della Consolazione conservata nella Chiesa Madre di Nereto.

La chiesa cattolica ha riconosciuto questo evento come un miracolo compiuto dalla Madonna della Consolazione a cui è intitolata la chiesa madre del paese.[senza fonte]

Le incisioni sulla campana sono un ricordo di quell'evento realizzato in occasione del festeggiamento del bicentenario del Miracolo - ogni anno il 22 dicembre le campane a Nereto suonano a festa; nel 1998, in occasione del bicentenario ci fu una gran festa e fu realizzata la campana oggi di fronte alla chiesa, che ricorda l'evento non solo nelle incisioni ma nella sua natura stessa (la campana con cui la Tonelli richiamò l'esercito degli angeli). Nella Chiesa Madre - la Chiesa principale di Nereto - ci sono ben più importanti tracce di quell'evento: 1) la corona della Madonna (nella chiesa è una copia) fu un dono della comunità appunto in ricordo di quel miracolo; 2) il ciclo pittorico principale nel catino absidale.

Dal sito ufficiale del Comune di Nereto: «In alto, al centro, è assisa Maria Santissima della Consolazione, alle sue spalle un'aureola formata da testine di serafini e una colomba che aleggia sul suo capo; ai suoi piedi due angeli in atteggiamento di preghiera. Nelle due sezioni laterali troviamo due angeli per parte, uno dei quali prega e l'altro da l'incenso. Nella parte bassa del catino, si aprono tre archi. A destra, sullo sfondo, è rappresentata l'armata francese guidata da un ufficiale su un cavallo bianco; in primo piano stanno, come a consiglio, tre ufficiali superiori in costume napoleonico. Un ufficiale si è tolto il cappello in segno di sconforto e abbassa la spada mentre l'ufficiale a cavallo, su ordine dei suoi capi, che hanno visto nella piazza grande, un'armata più numerosa e più agguerrita della loro, ordina la ritirata. Nell'arco a sinistra troviamo l'armata angelica che la Madonna della Consolazione fece apparire per spaventare i francesi e salvare il paese dalla distruzione e dalla morte. Al centro, davanti ad un altare, alcuni sacerdoti rendono grazie all'Altissimo e alla Vergine per la liberazione dall'eccidio.»

Fontana Vecchia di Nereto.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Nereto[modifica | modifica sorgente]

Cittadini onorari[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Pertini, (Stella San Giovanni, 25 settembre 1896 - Roma, 24 febbraio 1990), politico italiano, VII Presidente della Repubblica Italiana, Medaglia d'oro al valor militare, Medaglia d'argento al valor militare, Capo dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte, Medaglia Otto Hahn per la Pace
  • Nelson Rolihlahla Mandela, politico sudafricano, primo Presidente nero del Sudafrica dopo la fine dell'apartheid, e Premio Nobel per la Pace nel 1993 assieme a Frederik Willem de Klerk.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1989 1994 Gaetano Talucci centro-sinistra Sindaco
1994 1999 Giuseppe Fagotti centro-sinistra Sindaco
1999 2004 Giuseppe Fagotti centro-sinistra Sindaco
2004 2008 Sergio Moroni centro-sinistra Sindaco
2008 2009 Roberta di Silvestro Commissario Prefettizio
2009 in carica Stefano Minora lista civica di centro-destra "La Fonte" Sindaco

Annibale a Nereto[modifica | modifica sorgente]

Secondo i racconti locali, quando Annibale giunse a Nereto trovò qui così tanto vino buono da dissetare tutto il suo seguito, e da lavare i suoi cavalli per curarli delle malattie prese nelle paludi del Trasimeno.[senza fonte]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Nereto 1914 che milita nel girone D abruzzese di 2ª Categoria. È nata nel 1914. Dalla stagione 1993/1994 fino alla stagione 1997/1998 ha militato nel Campionato Nazionale Dilettanti.

Dalla stagione 1998/1999 fino alla stagione 1999/2000 ha militato nell'Eccellenza Abruzzo.

Dalla stagione 2000/2001 fino alla stagione 2001/2002 ha militato nel girone A abruzzese di Promozione.

Nella stagione 2002/2003 ha militato in 1ª Categoria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dato Istat al 28-02-2011.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo