Neophascogale lorentzii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Neophascogale lorentzi)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dasiuro maculato
Immagine di Neophascogale lorentzii mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Dasyuromorphia
Famiglia Dasyuridae
Sottofamiglia Dasyurinae
Tribù Dasyurini
Genere Neophascogale
Stein, 1933
Specie N. lorentzii
Nomenclatura binomiale
Neophascogale lorentzii
(Jentink, 1911)
Sinonimi

Neophascogale lorentzi [orth. error]
(Jentink, 1911)
Phascogale rubrata
Thomas, 1922
Phascogale venusta
Thomas, 1921

Areale

Speckled Dasyure area.png

Il dasiuro maculato (Neophascogale lorentzii Jentink, 1911), noto anche come topo marsupiale di Lorentz, è un marsupiale della famiglia dei Dasiuridi[2]. È l'unica specie del genere Neophascogale Stein, 1933.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nell'aspetto generale questo marsupiale ricorda una tupaia. Ha lunghezza testa-corpo di 170-230 mm e una coda di 185-215 mm. La colorazione varia, sulle regioni superiori, dal rossiccio carico al cannella chiaro, marcato da peli bianchi o da peli dalla punta bianca. Le regioni inferiori sono di colore rossiccio con peli dalle bande subterminali biancastre. La testa è bruno-rossastra e il retro delle orecchie è bianco. Il pelo che ricopre le zampe è color ruggine e assume una tonalità marrone sui piedi. La coda è rossiccia, a eccezione della parte terminale, che è bianca. Il pelo è lungo, soffice e folto. Sono noti anche pochi esemplari melanici[3].

Tutte e quattro le zampe sono munite di lunghi artigli e i cuscinetti plantari presentano delle pieghe. Si differenzia dalle specie del genere Phascogale soprattutto per la dentatura: infatti non mostra un diastema tra il primo e il secondo incisivo e l'ultimo premolare è molto più piccolo dei primi due[3].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Ha abitudini diurne e probabilmente perlopiù arboricole[3].

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Due esemplari vissuti per un certo periodo di tempo venivano nutriti con carne di manzo, cicale e maggiolini. Mostravano una certa predilezione per gli insetti vivi[3].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Sulla base di quel poco che sappiamo, sembra che questa specie possa riprodursi in ogni periodo dell'anno. Ogni cucciolata è composta al massimo da quattro piccoli[1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive sulle montagne delle regioni occidentali e centrali della Nuova Guinea, nelle umide foreste muscose a 1500-3400 m di quota[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Woolley, P., Leary, T., Wright, D., Hamilton, S., Helgen, K., Singadan, R., Dickman, C. & Lunde, D. 2008, Neophascogale lorentzii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Neophascogale lorentzii in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ a b c d Walker's Marsupials of the World - Ronald M. Nowak

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi