Neodrepanis coruscans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Falsa nettarinia caruncolata
Neodrepanis coruscans.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Tyranni
Infraordine Eurylaimides
Famiglia Eurylaimidae
Genere Neodrepanis
Specie N. coruscans
Nomenclatura binomiale
Neodrepanis coruscans
Sharpe, 1875

La falsa nettarinia caruncolata (Neodrepanis coruscans Sharpe, 1875) è un uccello passeriforme della famiglia Eurylaimidae, endemico del Madagascar[2].

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome scientifico della specie deriva dal latino coruscans, "brillante", in riferimento alla livrea dai riflessi metallici dei maschi in amore.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Misura appena 9–10 cm di lunghezza, coda compresa, per un peso di circa 22 g.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di uccelli dall'aspetto paffuto, muniti di cortissima coda e di un lungo e sottile becco marcatamente ricurvo, nel complesso piuttosto somiglianti alle nettarinie.
La livrea del maschio in amore è blu scuro su fronte, calotta, guance, nuca, dorso, ali, sopracoda e coda, con riflessi metallici, mentre gola, petto, ventre, fianchi e sottocoda sono di color giallo limone: attorno all'occhio è presente nel maschio una caruncola turchese. Le femmine mancano della caruncola e sono di colore bruno-olivastro dorsalmente e bruno-giallastro ventralmente, colorazione simile a quella dei maschi in eclissi: in ambedue i sessi il becco e le zampe sono nerastri e gli occhi sono bruni.

La specie si presenta piuttosto simile alla congenere Neodrepanis hypoxantha, rispetto alla quale può essere identificata grazie al becco in proporzione più lungo e ricurvo, le remiganti primarie orlate di giallo anziché completamente nere, e per la caruncola perioculare meno estesa.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di uccelli diurni e principalmente solitari, marcatamente territoriali nei confronti di conspecifici e di animali dalle medesime abitudini alimentari (come le nettarinie propriamente dette), che passano la maggior parte del proprio tempo spostandosi di fiore in fiore alla costante ricerca di cibo.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Questi uccelli hanno una dieta essenzialmente nettarivora e, in misura minore, anche insettivora, nutrendosi del nettare dei fiori e dei piccoli insetti che eventualmente vengono reperiti nelle corolle visitate.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La nidificazione avviene tra novembre e gennaio. I maschi divengono in questo periodo particolarmente intolleranti e aggressivi nei confronti degli intrusi dello stesso sesso: essi delimitano "arene" in cui si esibiscono in parate atte ad attrarre il maggior numero possibile di femmine con cui accoppiarsi[3]. Queste ultime, poi, sono sole a occuparsi della costruzione del nido, della cova e delle cure parentali verso i nidiacei, tuttavia mancano informazioni su questi aspetti della riproduzione.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La falsa nettarinia caruncolata è endemica del Madagascar, del quale abita la fascia costiera orientale da Antsiranana a Andohahela: il suo habitat è rappresentato dalla foresta pluviale montana fino a 1500 m di quota.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Neodrepanis coruscans in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Eurylaimidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  3. ^ Langrand O., Guide to the birds of Madagascar, New Haven, USA, Yale University Press, 1990.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Morris P. & Hawkins F., Birds of Madagascar: A Photographic Guide, Mountfield, UK, Pica Press, 1998, p.316, ISBN 1-873403-45-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]