Nenad Krstić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nenad Krstić
Nenad Krstić.jpg
Krstić con la maglia degli Oklahoma City Thunder
Dati biografici
Nome Nenad Krstić
Ненад Крстић
Nazionalità bandiera Jugoslavia
Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro
Serbia Serbia
Altezza 213 cm
Peso 110 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centro
Squadra Anadolu Efes Anadolu Efes
Carriera
Giovanili
Mašinac Kraljevo Mašinac Kraljevo
Squadre di club
2000-2004 Partizan Partizan
2004-2008 New Jersey Nets New Jersey Nets 226
2008 Triumf Ljubercy Triumf Ljubercy
2008-2011 Oklahoma Thunder Oklahoma Thunder 169
2011 Boston Celtics Boston Celtics 24
2011-2014 CSKA Mosca CSKA Mosca
2014- Anadolu Efes Anadolu Efes
Nazionale
2002
2004-2006
2006-
Jugoslavia Jugoslavia U-20
Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro
Serbia Serbia

82
892
Palmarès
Serbia Serbia
Wikiproject Europe (small).svg  Europei
Argento Polonia 2009
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2013

Nenad Krstić, in serbo Ненад Крстић? (Kraljevo, 25 luglio 1983), è un cestista serbo.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Partizan Belgrado[modifica | modifica sorgente]

Dal 2000 al 2004 milita in Serbia nel Partizan Belgrado.

Nella NBA[modifica | modifica sorgente]

Venne scelto al 24º posto nel draft del 2002 dai New Jersey Nets, ma fino al 2004 giocò nel KK Partizan Belgrado. Alla prima stagione da rookie con i Nets (2004-2005) chiuse con 10 punti e 5,3 rimbalzi di media a partita. Quell'anno i Nets disputarono i play-off ma uscirono al primo turno perdendo 4-0 la serie contro i Miami Heat. Nelle quattro partite disputate contro la franchigia di Pat Riley Krstić segnò 18,3 punti e 7,5 rimbalzi di media.

A fine anno fu inserito nel secondo quintetto ideale dei rookie.

L'anno successivo le sue cifre migliorarono ancora: chiuse infatti la regular season con 13,5 e 6,4 rimbalzi. Anche quell'anno i Nets arrivarono ai play off e al primo turno eliminarono gli Indiana Pacers ma persero al secondo turno ancora contro i Miami Heat, che avrebbero vinto il titolo nella finale con i Dallas Mavericks.

In questa stagione Krstić giocò solo 26 partite di regular season per colpa di un gravissimo infortunio al legamento crociato che lo tenne fuori gioco per tutto il campionato e per parte di quello successivo.

Al ritorno in campo dopo l'infortunio Krstić non ebbe più il minutaggio che aveva negli anni precedenti e a fine anno accettò la ricca offerta dei russi del Triumph Lyubertsky e quindi decise di tornare a giocare in Europa. Dopo pochi mesi però tornò in NBA, ingaggiato dagli Oklahoma City Thunder. Il 24 febbraio 2011 passa ai Boston Celtics insieme a Jeff Green per Kendrick Perkins e Nate Robinson.

CSKA Mosca[modifica | modifica sorgente]

Il 22 giugno 2011 Krstic firma un contratto biennale con i russi del CSKA Mosca.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Squadra[modifica | modifica sorgente]

Partizan Belgrado: 2001-2002, 2002-2003, 2003-2004
Partizan Belgrado: 2002
CSKA Mosca: 2012-2013
CSKA Mosca: 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2004-2005
CSKA Mosca: 2011-2012, 2012-2013

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nell'agosto 2010 è stato arrestato in seguito ad una violenta rissa scoppiata durante la partita amichevole tra Grecia e Serbia nel Torneo dell'Acropoli, giocato in preparazione del Campionato mondiale maschile di pallacanestro 2010. Nell'episodio - che ha coinvolto praticamente tutti i componenti di entrambe le squadre, e causato la sospensione della partita - Krstić, dopo essere venuto alle mani con diversi giocatori ellenici (ed in particolar modo anche con Sofoklis Schortsianitis), ha scagliato nel mucchio una sedia che si trovava nel parterre nei pressi del campo di gioco, colpendo alla testa il lungo Ioannis Bourousis (quella sera in borghese), causandogli una ferita sanguinante. A seguito della vicenda, la FIBA ha condannato le violenze, definendo il comportamento dei giocatori coinvolti come «inaccettabile, soprattutto da giocatori che hanno il ruolo importante di essere visti come modelli dai giovani».

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]