Nelson Algren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nelson Algren

Nelson Algren (Detroit, 28 marzo 1909Sag Harbor, 9 maggio 1981) è stato uno scrittore statunitense. Fu un narratore dello squallore dei bassifondi di Chicago, abitati da pugili, giocatori d'azzardo, immigrati soprattutto messicani e polacchi.[1]

Si inserisce , con James Thomas Farrell, Richard Wright e John Hersey, nel realismo americano, iniziato da Theodore Dreiser.[1]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Somebody in Boots (1935)
  • Mai venga il mattino![2] (Never Come Morning, 1942)
  • Le notti di Chicago[2] (The Neon Wilderness, 1947)
  • L'uomo dal braccio d'oro (The Man with the Golden Arm, 1949)
  • Chicago: City on the Make (1951)
  • Passeggiata selvaggia[2] (A Walk on the Wild Side, 1956)
  • Nelson Algren's Own Book of Lonesome Monsters (1962)
  • Chi ha perduto un americano?[2] (Who Lost an American?, 1963)
  • Conversations with Nelson Algren (1964)
  • Notes from a Sea Diary: Hemingway All the Way (1965)
  • The Last Carousel (1973)
  • The Devil's Stocking (1983)
  • America Eats (1992)
  • He Swung and He Missed (1993)
  • Nonconformity (1994)
  • The Texas Stories of Nelson Algren (1994)
  • Notes From a Sea Diary & Who Lost an American (Seven Stories Press, 2009)
  • Entrapment and Other Writings (Seven Stories Press, 2009)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Nelson Algren in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b c d Catalogo SBN. URL consultato il 30 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]