Neil Armstrong Air and Space Museum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Neil Armstrong Air and Space Museum
Ingresso al museo
Ingresso al museo
Tipo storico, scientifico
Data fondazione 20 luglio 1972
Indirizzo 500 Apollo Drive Wapakoneta, Ohio
Sito [1]

Il Neil Armstrong Air and Space Museum è situato a Wapakoneta, città natale dell'astronauta Neil Armstrong, primo uomo a toccare il suolo lunare.

Il museo è stato inaugurato nel 1972, ed ospita numerosi reperti legati alla storia del volo e dell'esplorazione nello spazio. Presenta una struttura architettonica particolare, che ricorda una fantascientifica base lunare, realizzata in acciaio e cemento armato, con una cupola larga cinquantasei metri.

Esposizione[modifica | modifica sorgente]

Al primo piano il percorso museale illustra la storia del volo spaziale, dalle teorie di Konstantin Ėduardovič Ciolkovskij dei primi anni del '900, alle missioni dei programmi Mercury e Gemini degli anni '50 e '60. Sono esposti alcuni veicoli spaziali, tra cui il Gemini 8, in missione nel 1965 sotto il comando di Armstrong, e numerose tute spaziali adoperate nelle missioni del Programma Apollo.

Una capsula Gemini

Presenti anche aerei usati dalla Nasa per i test di ricerca, come il Douglas F5D Skylancer.

Al secondo piano sono custoditi i reperti relativi alle missioni lunari, con gli equipaggiamenti in dotazione agli astronauti, le attrezzature per i rilievi e gli esperimenti sul suolo lunare, modelli di razzi. Tra i reperti anche una roccia, raccolta nel Mare della Tranquillità da Neil Armstrong e Buzz Aldrin nel corso della missione Apollo 11 del 1969.

Un F5D Skylancer esposto nel museo

Alcune mostre interattive e tre simulatori di volo consentono ai visitatori di provare l'esperienza del viaggio nello spazio e dell'atterraggio a bordo dello Space Shuttle o di un modulo lunare.

Nella cupola, che presenta la volta con il cielo stellato, è situata una sala teatro, in cui si proiettano immagini e documentari, tra cui il filmato dell'allunaggio dell'Apollo 11.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]