Negabilità plausibile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rotore di Enigma
Rotore di Enigma
Questa voce fa parte della serie
Intelligence
Voci principali
Voci correlate
Categoria:
Tecniche di intelligence

Negabilità plausibile è la denominazione attribuita al fenomeno della creazione di catene di comando vaghe ed informali nei governi ed altre grandi organizzazioni. In caso di assassinii, covert operations di varia natura,[1] o di ogni altra attività che susciterebbe il verosimile biasimo dell'opinione pubblica in caso di notorietà, le autorità altolocate possono negare ogni legame o consapevolezza verso tali atti, o verso gli autori materiali dei medesimi.

Nella politica e nello spionaggio, la negabilità è riferita alla possibilità per un potente "burattinaio" di evitare l'eventuale "contraccolpo" di popolarità (discredito)[2] mediante la pianificazione/delega segreta di un'azione che dev'essere compiuta nel suo interesse da una terza parte — apparentemente non riconducibile al "burattinaio" in questione.

Più in generale, si parla di negabilità plausibile anche in ogni caso in cui un atto lasci poca o nessuna prova dell'azione illegittima o abuso compiuti. Ne sono esempi l'uso di scariche elettriche, waterboarding o leve articolari/strangolamenti, ecc. come mezzo di tortura o punizione, che lasciano scarse tracce (o addirittura nessuna) dell'abuso praticato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella dottrina anglosassone è invalsa la distinzione ulteriore in false flag ("bandiera falsa") e black ops ("operazioni nere") all'interno del più vasto genere covert operations.
  2. ^ S'intende: in caso di scoperta dell'operazione clandestina.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN)