Nebulosa Cono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nebulosa Cono
Regione H II
La Nebulosa Cono
La Nebulosa Cono
Scoperta
Scopritore William Herschel
Anno 1784
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
Costellazione Unicorno
Ascensione retta 06h 40m 58.3s
Declinazione +09° 53′ 44″
Distanza 2450 a.l.
(751 pc)
Magnitudine apparente (V) 3,9 (ammasso aperto)
Dimensione apparente (V) 3°: (nebulosa);
20' (ammasso aperto)
Caratteristiche fisiche
Tipo Regione H II
Classe III 3 m n (ammasso)
Galassia di appartenenza Via Lattea
Caratteristiche rilevanti Nebulosa ad emissione
Altre designazioni
NGC 2264, Mel 49, Cr 112 (ammasso);
Sh2-273 (nebulosa)
Categoria di regioni H II

NGC 2264 indica un brillante ammasso aperto circondato da un grande sistema di nebulosità diffuse, all'interno della costellazione dell'Unicorno.

In effetti, la prima caratteristica che colpisce esplorando quest'area di cielo con un binocolo è proprio un gruppo di circa venti stelline di colore blu, dominato dalla stella S Monocerotis, di magnitudine compresa fra la quinta e la nona, disposte a triangolo, con il vertice puntato verso sud, caratteristica che nell'emisfero australe (dove la cima appare rivolta verso l'alto) lo rende simile ad un Albero di Natale (quest'ultimo è il nome proprio dell'ammasso).

Nel vertice meridionale dell'ammasso, se si osserva con un telescopio newtoniano con l'ausilio di un filtro, diventa evidente una nebulosa, nel cui bordo è presente una toppa scura a forma di cono con la punta rivolta verso il vertice dell'albero di Natale; questa struttura ha reso famosa la nube con il nome proprio di Nebulosa Cono. A nord-ovest dell'ammasso si estende inoltre una vasta nebulosità più debole, ben visibile nelle foto a lunga esposizione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]



Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 2262  •  NGC 2263  •  NGC 2264  •  NGC 2265  •  NGC 2266   
oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari