Nazionale di atletica leggera della Germania Est

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania Est Germania Est
Sport Atletica leggera
Federazione
Confederazione EAA
Codice CIO GDR
Giochi olimpici
Partecipazioni 5 (esordio: 1968)
Miglior risultato 11 - 8 - 10   (1980)
Medaglie (38 - 36 - 35)
Campionati mondiali
Partecipazioni 2 (esordio: 1983)
Miglior risultato 10 - 11 - 11   (1987)
Medaglie (21 - 19 - 16)
Campionati mondiali indoor
Partecipazioni 3 (esordio: 1985)
Miglior risultato 6 - 3 - 0   (1987)
Medaglie (12 - 7 - 5)
Campionati europei
Partecipazioni ?
Medaglie (91 - 82 - 65)
Campionati europei indoor
Partecipazioni ?
Medaglie (87 - 83 - 58)


Statistiche aggiornate al 17 dicembre 2013

La Nazionale di atletica leggera della Germania Est era la rappresentativa della Germania Est nelle competizioni internazionali di atletica leggera riservate alle selezioni nazionali.

Dopo la sconfitta nella Seconda guerra mondiale, la Germania fu invitata a partecipare alle varie manifestazioni sportive, per la prima volta ai Giochi olimpici di Helsinki 1952 e per le successive tre edizioni gareggiò con un'unica squadra, mentre già da Berna 1954, ancor prima della costruzione del Muro di Berlino (1961-1989), ai campionati europei di atletica leggera gareggiavano due squadre separate (Germania Est e Germania Ovest) e ciò continuò, anche a partire dai Giochi di Città del Messico 1968, sino al 1990 (per l'ultima volta agli Europei di Spalato 1990).

Bilancio nelle competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

La nazionale tedesca orientale di atletica leggera vanta 5 partecipazioni ai Giochi olimpici su 27 edizioni disputate,[1] dal 1968 al 1988, con l'eccezione dei Giochi olimpici di Los Angeles 1984, a causa del boicottaggio dell'Unione Sovietica e di quasi tutto il blocco orientale.

L'atleta della Germania Est più titolata ai Giochi olimpici è la velocista Renate Stecher, vincitrice di 6 medaglie, di cui 3 d'oro, 2 d'argento e 1 di bronzo.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Est Germany Athletics, Sports-reference.com. URL consultato il 25 marzo 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]