Nazim Pascià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nâzım Paşa
Nazim Pasha (military).jpg
1848 - 1913
Nato a İstanbul
Morto a İstanbul
Cause della morte assassinato
Dati militari
Paese servito Impero Ottomano
Forza armata esercito
Guerre Guerra russo-turca
Prima guerra balcanica

[1]

voci di militari presenti su Wikipedia

Nâzım Paşa, noto come Nazim Pascià o Hussein Nazim Pascià (İstanbul, 1849İstanbul, 23 gennaio 1913[1]), è stato un militare e politico ottomano, ministro della guerra all'epoca della Prima guerra balcanica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato presso École spéciale militaire de Saint-Cyr, prese parte alle guerre russo-turche mettendosi in mostra per le sue capacità tattiche e divenendo il più giovane ufficiale dello stato maggiore.[1]

Fu in due riprese governatore del Vilayet di Baghdad, nel 1908 e nel biennio 1910-1911[1][2].

Nominato ministro il 9 luglio 1912, [3] allo scoppio delle ostilità contro la lega balcanica, assunse il comando in capo delle forze ottomane in luogo del sultano.

Fu assassinato il 23 gennaio 1913, nel corso di un colpo di stato promosso dai Giovani Turchi che portò alla deposizione del gran visir Kâmil Pascià.[4][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Minister of war shot in The Evening Post (Wellington), 25 gennaio 1913, p. 7. URL consultato l'08 mag 2013.
  2. ^ worldstatesmen.org
  3. ^ Mandelstam, p. 45
  4. ^ (EN) Turkey in the First World War - Prelude: Balcan war. URL consultato l'08 mag 2013.
  5. ^ (EN) Three were slain with Nazim in The New York Times (New York), 25 gennaio 1913. URL consultato l'08 mag 2013.
  6. ^ Miller, p. 502

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]