Nave posacavi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La posacavi CS Dependable nel porto di Astoria

Una nave posacavi è un tipo di nave attrezzato per la posa di cavi sottomarini per il trasporto di energia o per le telecomunicazioni (realizzati dagli anni 1980 principalmente in fibra ottica).

La nave è dotata di vasche di raccolta adibite allo stoccaggio dei cavi, di macchine a coppie di ruote, a cinghie o a volano per la posa dei cavi, e di attrezzature per il controllo dei cavi durante la posa.

Un'altra categoria specifica di navi è adibita alla riparazione dei cavi[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo cavo sottomarino transatlantico fu posato da navi posacavi negli anni 1857-58, permettendo la comunicazione tramite telegrafo tra l'Europa e il Nord America. La linea fu rimpiazzata da due cavi transatlantici posati nel 1866 dalla nave Great Eastern.

La HTMS Monarch[2] completò nel 1956 il primo cavo telefonico transatlantico (TAT-1) dalla Scozia alla Nuova Scozia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Descrizione del procedimento di riparazione di un cavo sottomarino in fibra ottica in caso di guasto, lezioni di Filippo Giannetti, Università di Pisa.
  2. ^ (EN) HMTS Monarch (4) su History of the Atlantic Cable & Undersea Communications.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

nautica Portale Nautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nautica