Naturhistorisches Museum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 48°12′18.48″N 16°21′33.82″E / 48.205134°N 16.359394°E48.205134; 16.359394

Naturhistorisches Museum
Naturhistorisches Museum Vienna June 2006 241.jpg
Tipo Storia naturale
Data fondazione 1891
Indirizzo Burgring 7 A - 1010 Vienna
Sito http://www.nhm-wien.ac.at/
Il Naturhistorisches Museum di Vienna

Il Naturhistorisches Museum di Vienna (Museo di Storia Naturale in lingua italiana) è uno dei più grandi musei musei di scienze naturali del mondo, e il più grande museo di tutta l'Austria.

Sede[modifica | modifica sorgente]

È stato aperto nel 1891 contemporaneamente al Kunsthistorisches Museum, con cui condivide l'aspetto esteriore e che fronteggia su Maria-Theresien-Platz. Il museo è stato costruito per ospitare l'enorme collezione degli Asburgo. Entrambi gli edifici sono stato costruiti tra il 1872 ed il 1891 sulla Ringstraße secondo i progetti di Gottfried Semper e Karl Freiherr von Hasenauer.

Raccolta[modifica | modifica sorgente]

Le collezioni di insetti del museo risalgono al 1793, quando Francesco I d'Austria acquistò le collezioni scientifiche di Joseph Natterer. Nel 1806 il museo comprò una collezione di insetti europei da Johann Carl Megerle di Muehlfeld. Megerle stesso divenne il primo curatore e si occupò dell'acquisto della collezione Gundian di farfalle europee. Queste vecchie raccolte sono state distrutte da un incendio nel 1848.

Il viaggio di Johann Natterer in Brasile (1817 - 1835) portò ad un forte ampliamento della collezione; si pensi che 60.000 insetti facevano parte del "Museo Brasiliano" ospitato nella Harrach' House che scampò all'incendio.

Nel 1859 la fregata Novara tornò da un viaggio intorno al mondo e riportò molti nuovi insetti che furono aggiunti a quelli già in possesso del museo e la cui sistemazione fu curata da L. Redtenbacher (Coleotteri), F. M. Brauer (Neurotteri), H. de Saussure (Imenotteri tranne Formicidi), G. Mayr (Formicidi e Rincoti), I. R. Schiner (Ditteri), C. Felder, R. Felder e A. Rogenhofer (Lepidotteri), gli entomologi Ganglbauer e Holdhaus (Coleotteri), Kohl e Maidl (Imenotteri), Handlirsch (insetti fossili) che contribuirono alla reputazione internazionale del museo.

La presente collezione risale al 1876.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Musei Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musei