National Football League 1979

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stagione NFL 1979
Logo NFL
Stagione regolare
Sport American football pictogram.svg Football americano
Competizione National Football League
Edizione 60ª
Inizio 1º settembre 1979
Fine 17 dicembre 1979
Play-off
Inizio 23 dicembre 1979
Campione AFC Pittsburgh Steelers
Campione NFC Los Angeles Rams
Super Bowl XIV
Data 20 gennaio 1980
Stadio Rose Bowl
Campione NFL Pittsburgh Steelers
Pro Bowl 1980
Data 27 gennaio 1980
Stadio Aloha Stadium
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1978 1980 Right arrow.svg

La stagione NFL 1979 fu la 60ª stagione sportiva della National Football League, la massima lega professionistica statunitense di football americano. La finale del campionato, il Super Bowl XIV, si disputò il 20 gennaio 1980 al Rose Bowl di Pasadena, in California che si concluse con la vittoria dei Pittsburgh Steelers sui Los Angeles Rams per 31 a 19. La stagione iniziò il 1º settembre 1979 e si concluse con il Pro Bowl 1980 che si tenne il 27 gennaio a Honolulu.

Questa stagione vide il trasferimento permanente della sede del Pro Bowl all'Aloha Stadium.

Modifiche alle regole[modifica | modifica sorgente]

  • Venne deciso, in caso di sack del quarterback, di fermare il tempo effettivo per almeno 5 secondi.
  • Venne deciso che, nel caso venga effettuato, chiamato o assegnato un fair catch alla fine del secondo quarto o della partita, di concedere una ulteriore azione alla squadra che ha ricevuto il calcio.
  • Venne concesso ai defensive linemen di indossare i numeri dal 90 al 99.
  • Venne deciso di inserire i centri nel sistema di numerazione come offensive linemen interni.
  • Venne vietato ai giocatori di indossare equipaggiamento strappato o alterato. Vennero vietate inoltre le maglie a strappo.
  • Venne vietato durante le azioni di punt, kickoff o field goal, ai giocatori della squadra ricevente di effettuare blocchi sotto la vita.
  • Venne estesa la zona in cui è vietato effettuare un crackback block da 3 a 5 iarde attorno alla linea di scrimmage.
  • Venne vietato ai giocatori di usare il casco per colpire in qualsiasi modo un avversario. L'infrazione di tale divieto comporta la penalità di violenza non necessaria (unnecessary roughness).
  • Venne deciso che, in caso di fumble ad un quarto down o dopo il two-minutes warning, l'unico giocatore dell'attacco che può recuperare la palla sia lo stesso che ha commesso il fumble. Questa regola, che divenne nota come "Ken Stabler rule", venne introdotta in seguito ad un episodio verificatosi nella stagione precedente nel quale appunto Ken Stabler, allora quarterback degli Oakland Raiders, per evitare un sack lasciò cadere la palla e la spinse avanti cercando di consentire ad un compagno di recuperarla[1].
  • Venne deciso che l'arbitro principale indossasse un cappellino nero, mentre gli altri arbitri ne indossassero uno bianco.
  • Venne deciso di indicare la posizione di ogni arbitro sulla sua maglietta.
  • Venne cambiato il sistema di numerazione degli arbitri legando il numero alla posizione in campo.

Stagione regolare[modifica | modifica sorgente]

La stagione regolare si svolse in 16 giornate, iniziò il 1º settembre e terminò il 17 dicembre 1979.

Risultati della stagione regolare[modifica | modifica sorgente]

  • V = Vittorie, S = Sconfitte, P = Pareggi, PCT = Percentuale di vittorie, PF = Punti Fatti, PS = Punti Subiti
  • La qualificazione ai play-off è indicata in verde (tra parentesi il seed)
AFC East
Squadra V S P PCT PF PS
(3) Miami Dolphins 10 6 0 625 341 257
New England Patriots 9 7 0 563 411 326
New York Jets 8 8 0 500 337 383
Buffalo Bills 7 9 0 438 268 279
Baltimore Colts 5 11 0 313 271 351
NFC East
Squadra V S P PCT PF PS
(1) Dallas Cowboys[2] 11 5 0 688 371 313
(4) Philadelphia Eagles 11 5 0 688 339 282
Washington Redskins 10 6 0 625 348 295
New York Giants 6 10 0 375 237 323
Saint Louis Cardinals 5 11 0 313 307 358
AFC Central
Squadra V S P PCT PF PS
(2) Pittsburgh Steelers 12 4 0 750 416 262
(4) Houston Oilers 11 5 0 688 362 331
Cleveland Browns 9 7 0 563 359 352
Cincinnati Bengals 4 12 0 250 337 421
NFC Central
Squadra V S P PCT PF PS
(2) Tampa Bay Buccaneers[3] 10 6 0 625 273 237
(5) Chicago Bears[4] 10 6 0 625 306 249
Minnesota Vikings 7 9 0 438 259 337
Green Bay Packers 5 11 0 313 246 316
Detroit Lions 2 14 0 125 219 365
AFC West
Squadra V S P PCT PF PS
(1) San Diego Chargers[5] 12 4 0 750 411 246
(5) Denver Broncos 10 6 0 625 289 262
Seattle Seahawks[6] 9 7 0 563 378 372
Oakland Raiders 9 7 0 563 365 337
Kansas City Chiefs 7 9 0 438 238 262
NFC West
Squadra V S P PCT PF PS
(3) Los Angeles Rams 9 7 0 563 323 309
New Orleans Saints 8 8 0 500 370 360
Atlanta Falcons 6 10 0 375 300 388
San Francisco 49ers 2 14 0 125 308 416

Play-off[modifica | modifica sorgente]

I play-off iniziarono con i Wild Card Game il 23 dicembre 1979. I Divisional Playoff si giocarono il 29 e 30 dicembre e i Conference Championship Game il 6 gennaio 1980. Il Super Bowl XIV si disputò il 20 gennaio al Rose Bowl di Pasadena.

Seeding[modifica | modifica sorgente]

Seed American Football Conference National Football Conference
1 San Diego Chargers (vincitori AFC West) Dallas Cowboys (vincitori NFC East)
2 Pittsburgh Steelers (vincitori AFC Central) Tampa Bay Buccaneers (vincitori NFC Central)
3 Miami Dolphins (vincitori AFC East) Los Angeles Rams (vincitori NFC West)
4 Houston Oilers Philadelphia Eagles
5 Denver Broncos Chicago Bears

Incontri[modifica | modifica sorgente]

Wild Card Game Divisional Play-off Conference Championship Super Bowl XIV
                                   
    30 dicembre - Texas Stadium        
 3  L.A. Rams  21
23 dicembre - Veterans Stadium     6 gennaio - Tampa Stadium
 1  Dallas  19  
 5  Chicago  17  3  L.A. Rams  9
29 dicembre - Tampa Stadium
 4  Philadelphia  27      2  Tampa Bay  0  
 4  Philadelphia  17
    20 gennaio - Rose Bowl
 2  Tampa Bay  24  
 N3  L.A. Rams  19
29 dicembre - Jack Murphy Stadium
   A2  Pittsburgh  31
 4  Houston  17
23 dicembre - Astrodome     6 gennaio - Three Rivers Stadium
 1  San Diego  14  
 5  Denver  7  4  Houston  13
30 dicembre - Three Rivers Stadium
 4  Houston  13      2  Pittsburgh  27  
 3  Miami  14
   
 2  Pittsburgh  34  

Nota: Il regolamento impediva gli accoppiamenti nei Divisional playoff tra squadre della stessa Division

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Total Football: The Official Encyclopedia of the National Football League (ISBN 0-06-270174-6)
  2. ^ Dallas finì davanti a Philadelphia in base ai risultati di Conference (10-2 contro 9-3 degli Eagles).
  3. ^ Tampa Bay finì davanti a Chicago in base ai risultati di Division (6-2 contro 5-3 dei Bears).
  4. ^ Chicago ottenne il seed 5 su Washington in base alla differenza punti totale (+57 contro +53 dei Redskins).
  5. ^ San Diego ottenne il seed 1 su Pittsburgh in base al risultato dello scontro diretto.
  6. ^ Seattle finì davanti a Oakland in base ai risultati degli scontri diretti (2-0).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]