Natal'ja Kirillovna Naryškina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natal'ja Kirillovna Naryškina
Natal'ja Kirillovna Naryškina
Natal'ja Kirillovna Naryškina
Zarina di Russia
Predecessore Marija Il'inična Miloslavskaja
Successore Agafija Semënovna Grušeckaja
Nascita Mosca, 1º settembre 1651
Morte Mosca, 4 febbraio 1694
Luogo di sepoltura Cremlino di Mosca
Padre Kirill Poluektovič Naryškin
Madre Anna Leontievna Leont'eva
Consorte Alessio I di Russia
Figli Pietro I
Natal'ja
Fëdora
Religione Ortodossi russi

Natal'ja Kirillovna Naryškina (in russo: Наталья Кирилловна Нарышкина) (Mosca, 1 settembre 1651Mosca, 4 febbraio 1694) fu la seconda moglie dello zar Alessio I di Russia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Discendendo da una famiglia di Boiari Tartari, Natal'ja era la figlia di Kirill Poluektovič Naryškin, e di sua moglie, Anna Leontievna Leont'eva. Crebbe a Mosca, nella casa del grande Artamon Sergeevič Matveev, per via della sua lontana parentela con la moglie di quest'ultimo, la scozzese Mary Hamilton.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 1 febbraio 1671, sposò lo Zar Aleksej Michajlovič, vedovo di Marija Il'inična Miloslavskaja, divenendone la seconda moglie. Ebbero tre figli:

Dopo aver assicurato il trono per suo figlio, Natal'ja Kirillovna controllò effettivamente il governo assieme ai fratelli e al Patriarca.

Con la morte dello Zar Alessio I nel 1676, salì al trono lo Zar Fëdor III. Quando Fëdor morì nel 1682, gli succedette il fratello Ivan V (figlio della prima moglie di Alessio), ma gli fu associato come co-zar il fratellastro Pietro. Lei divenne Reggente, assieme al padre adottivo Artamon Sergeevič Matveev, che fu richiamato per questo dall'esilio, in qualità di consigliere. Tuttavia, durante la rivolta degli Strelizi il 15 maggio 1682, due dei suoi fratelli e Artamon Sergeevič Matveev vennero uccisi e suo padre fu costretto ad entrare in un convento. Sof'ja Aleksejevna Romanova, sorella maggiore di Fëdor, la rimpiazzò come Reggente.

Mentre Sof'ja governava e Pietro era co-Zar, Natal'ja visse senza rischi, ma in povertà. Doveva ricevere continui supporti finanziari dal Patriarca o da altri all'interno della Chiesa ortodossa. Passò la maggior parte del tempo nel palazzo estivo di Alessio, a Preobraženskoe, a circa 5 chilometri da Mosca, insieme al figlio Pietro.

Nell'agosto 1689, Pietro scacciò Sof'ja, mentre lui e il fratellastro Ivan continuarono ad essere co-Zar. Natal'ja tornò ad essere il capo nominale della corte. Suo fratello Lev Kirillovič Naryškin fu eletto Ministro degli Esteri e Primo Ministro de facto.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Natal'ja morì dopo una malattia che durò solo due giorni. Suo figlio, Pietro fu nominato Imperatore di Russia il 31 ottobre 1721.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Natal'ja Alekseevna fondò il primo teatro pubblico in Russia, scrivendo lei stessa un certo numero di commedie

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Zarina di Russia Successore
Maria Ilyinichna Miloslavskaya 1 febbraio 1671 - 29 gennaio 1676 Agafiya Semyonovna Grushetskaya

Controllo di autorità VIAF: 169135460

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie