Natal'ja Andreevna Pogonina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natal'ja Andreevna Pogonina

Natal'ja Andreevna Pogonina (in russo: Наталья Андреевна Погонина?; Vladivostok, 9 marzo 1985) è una scacchista russa.

Divenne Grande Maestro assoluto nel 2004, all'età di 19 anni. Nella lista FIDE di aprile 2009 ha 2501 punti Elo (14º posto al mondo in campo femminile).

Vinse diversi titoli giovanili, tra cui:

  • 1998 : medaglia d'oro al campionato russo femminile under-14
  • 2000 : medaglia d'oro al campionato europeo femminile under-16 di Kallithea
  • 2003 : medaglia d'oro al campionato europeo femminile under-18 di Budua; medaglia di bronzo al campionato del mondo juniores femminile di Naxçıvan

Ha partecipato con la nazionale femminile russa alle olimpiadi di Dresda 2008, ottenendo l'ottimo risultato di +5 =2 –0 (85,7 %).

In marzo del 2009 si è classificata terza al campionato europeo femminile di San Pietroburgo[1] (vinto da Tatiana Kosintseva).

Una foto glamour del 2005

Altri notevoli risultati sono stati i seguenti:

  • 2002 : vince il torneo di Leopoli
  • 2004 : vince il torneo di Samara
  • 2005 : vince il torneo di Vladimir;  vince il torneo di Nojabrsk
  • 2007 : vince il Memorial Ludmila Rudenko di San Pietroburgo, con 8,5/9
  • 2008 : pari prima al campionato del mondo femminile per studenti
  • 2009 : vince il Moscow Open-C femminile con 8/9

Natalia Pogonina è nota nel mondo degli scacchi per la sua personalità positiva e amichevole, sempre pronta ad aiutare chi si rivolge a lei per qualche sostegno o per sviluppare i propri talenti.

È riconosciuta come una delle più avvenenti giocatrici di scacchi del pianeta. Ha partecipato nel 2005 al World Chess Beauty Contest[2] e ha ricevuto numerose offerte per sponsorizzazioni pubblicitarie.

Studia attualmente legge all'università di Saratov. Tra i suoi numerosi hobbies e interessi la musica, la fotografia, la letteratura, i viaggi, il flamenco e lo sport.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale del campionato europeo femminile 2009
  2. ^ Report Chessbase: World Chess Beauty Contest

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]