Nasua narica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nasua comune
Coati Nasua narica Side 2212px.jpg
Nasua narica
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Procyonidae
Genere Nasua
Specie N. narica
Nomenclatura binomiale
Nasua narica
Linnaeus, 1766
Sinonimi

Nasua nelsoni

Il nasua comune o coati dal naso bianco del bassopiano (Nasua narica), detto anche Pizote è un mammifero carnivoro della famiglia dei Procionidi.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il nasua comune popola ambienti boschivi (foreste tropicali e subtropicali asciutte e umide) del continente Americano. Vive ad ogni altitudine, dal livello del mare fino a 3.500 m, in un'area geografica che si estende a nord fino alle zone sudorientali di Arizona e Nuovo Messico e a sud fino all'Ecuador.[1]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Sono onnivori, ma preferiscono nutrirsi di piccoli vertebrati, frutta, carogne, insetti e uova. Sono in grado di arrampicarsi facilmente sugli alberi, utilizzando la coda per bilanciarsi, ma più spesso vanno alla ricerca di cibo sul terreno. Tra i loro predatori sono compresi i boa, i rapaci, i felini selvatici e il Tayra (un mustelide americano). Si adattano facilmente alla presenza dell'uomo. Come i procioni saccheggiano i campeggi e le raccolte di rifiuti. Possono essere facilmente addomesticati e in base a prove sperimentali si sono dimostrati decisamente intelligenti.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono fondamentalmente diurni. Durante la notte si ritirano su di un albero e all'alba ne discendono per cominciare la ricerca quotidiana del cibo. Comunque le loro abitudini sono adattabili e in aree dove sono oggetto di caccia da parte degli uomini (a scopo alimentare) o dove razziano insediamenti umani alla ricerca di cibo divengono più notturni. I maschi adulti vivono isolati, ma le femmine ed i maschi sessualmente immaturi formano gruppi sociali. Utilizzano molti segnali vocalici per comunicare tra di loro e passano molto tempo a pulire se stessi o i propri simili con i denti e con le zampe. Nei momenti di ricerca del cibo, i piccoli sono lasciati con un paio di baby-sitter, come fanno anche i Suricati. I giovani maschi ed anche alcune femmine tendono ad effettuare giochi di combattimento. Normalmente le lotte per il cibo tra i nasua sono di breve durata.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Samudio, R., Kays, R., Cuarón, A.D., Pino, J.L. & Helgen, K. 2008, Nasua narica in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Nasua narica in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi