Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 3
Naruto-Shippuden-Ultimate-Ninja-Storm-3-Logo.jpg
Titolo originale N A R U T O ナルト- 疾風伝ナルティメットストーム 3
Sviluppo CyberConnect2
Pubblicazione Namco Bandai
Serie Ultimate Ninja Storm
Data di pubblicazione Giappone 18 aprile 2013[1]
Europa 8 marzo 2013[2]
Italia 7 marzo 2013[3]
Stati Uniti 5 marzo 2013[4]
Genere Azione, Picchiaduro
Tema Naruto
Modalità di gioco giocatore singolo, multigiocatore, online
Piattaforma PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Supporto Blu-ray Disc e DVD-ROM
Fascia di età ESRB: T[4]
PEGI: 12[5]
Periferiche di input Gamepad
Preceduto da Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Generation
Seguito da Naruto Shippūden: Ultimate Ninja Storm Revolution

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 3 (N A R U T O ナルト- 疾風伝ナルティメットストーム 3?) è il quarto videogioco della serie "Ultimate Ninja Storm" basato sulla serie anime e manga Naruto.[5] Distribuito per PlayStation 3 e Xbox 360 nel marzo 2013, è stato distribuito anche per PC a dicembre dello stesso anno[5], è preceduto informalmente da Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 2, ma il seguito, in ordine cronologico di uscita, dello spin-off Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Generation. Il videogioco, sviluppato da CyberConnect2 e pubblicato da Namco Bandai, è stato ufficialmente annunciato il 24 giugno 2012 e rilasciato il 7 marzo 2013.[6]

A marzo 2013 in Europa e Nord America il gioco ha venduto più di un milione di copie.[7]

Edizioni e DLC[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco è stato rilasciato in tre differenti edizioni oltre a quella standard:

  • la speciale "Day One Edition", racchiudente un artbook illustrato e due DLC contenenti la tuta di Son Goku, indossabile da Naruto Uzumaki e cinque esclusivi costumi tratti dal film "Road to Ninja" per i preordini in Giappone, tra cui un costume da samurai per Naruto, da Anbu per Kakashi, da bagno per Sakura e i Costumi originali del film per Hinata e Sasuke. Per i preordini in Europa invece il DLC include un costume da samurai per Naruto, da Anbu per Itachi, da scolara per Sakura, da bagno per Tsunade e un kimono per Sasuke.
  • l'edizione da collezione denominata "Will of Fire Edition" corredata da una action figure di Naruto realizzata da Banpresto e un poster;
  • l'edizione da collezione chiamata "True Despair" con annessa nuovamente una statuetta di Sasuke Uchiha e poster.[5]

In qualità di DLC a pagamento sono stati rilasciati nuovi pacchetti come i costumi dell'Organizzazione Alba e i costumi da Napoleone, cowboy e pirata per Naruto e Sasuke.

Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 3 Full Burst[modifica | modifica wikitesto]

Namco Bandai e CyberConnect2 hanno successivamente reso disponibile Full Burst, trattasi di una versione aggiornata del videogioco, uscente per il 30 gennaio 2014 su PlayStation 3, Xbox 360 e, per la prima volta, anche per PC uscito il 26 ottobre 2013. Con l'aggiunta di 100 nuove missioni da completare nella campagna, 38 costumi extra per i personaggi giocabili, l'introduzione di un nuovo capitolo della storia principale, nuove sequenze filmate e l'aggiunta di Kabuto Yakushi in modalità eremitica come personaggio giocabile. Oltre a questo l'intero gioco ha una maggiore cura a livello di editing grafico.[8]
Inoltre con il pre-ordine da Gamestop, è stata inclusa la presenza di un artbook da 190 pagine rilegate in un formato simile a quello manga.[9]

Per i già possidenti della versione originale è possibile aggiornare il gioco alla versione Full Burst tramite DLC.[8]

Innovazioni[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto ai precedenti capitoli della serie sono state introdotte diverse novità nel comparto tecnico, tra cui:

  1. poter entrare in modalità "Risveglio" in qualunque momento, sin dall'inizio della battaglia o persino durante una combo con la possibilità di utilizzare due tecniche differenti (una semplicemente premendo i tasti del comune jutsu, mentre l'altra premendo un tasto del supporto) che variano a seconda dei personaggi;
  2. sono ritornati i quick time event e le boss battle, presenti nei primi due videogiochi della serie Storm ma non presenti in Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Generation. Sarà presente anche una componente hack'n slash, in cui il giocatore dovrà combattere più nemici contemporaneamente[10];
  3. la possibilità di creare delle vere e proprie combo con i personaggi di supporto scelti dal giocatore soltanto prolungando la pressione del tasto cerchio (Play Station 3) o del tasto B (X-Box 360);
  4. il ring out, ovvero l'uscita dal campo di battaglia, provocata da 3 urti contro il limite dell'arena, che a sua volta provocherà la sconfitta del giocatore uscito dall'arena. Inoltre uno dei due supporti, in caso di ring-out, si getterà subito in aiuto del giocatore rigettandolo nel campo di battaglia, il supporto però non potrà più essere riutilizzato durante lo scontro;
  5. i personaggi di supporto ora dispongono inoltre di una barra della salute, che varia da 12 tacche se vi è un singolo personaggio di supporto, a 6 tacche se ce ne sono due. Una volta esaurita, subendo tecniche e combo, la salute dei supporti, questi giaceranno esanimi nel campo di battaglia;
  6. in alcune arene di combattimento sono presenti ostacoli, come alberi o rocce;
  7. per la prima volta nella serie Storm durante l'esecuzione di una combo, ed anche nella modalità storia, comparirà il sangue. Questa aggiunta però può essere rimossa tramite un'apposita opzione.

Nel gioco sono però presenti alcuni errori, probabilmente di traduzione. Uno di questi è facilmente trovabile: sconfiggendo un qualsiasi personaggio in modalità scontro libero con la mossa finale del Raikage, apparirà la schermata bonus nella quale esso, erroneamente, affermerà di essere il Quarto Hokage.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Partendo da dove si interrompeva il precedente Ultimate Ninja Storm 2, la modalità storia ripercorre tutte le tappe salienti dall'assemblea dei cinque kage nel Paese del Ferro, sino a toccare gli eventi della quarta grande guerra ninja combattuta dall'alleanza ninja dei cinque grandi villaggi (Foglia, Sabbia, Roccia, Fulmine e Nebbia) e l'esercito dei 100 000 Zetsu e dei ninja resuscitati di Tobi e Kabuto Yakushi. La parte inerente alla grande guerra comprende anche il relativo scontro fra i cinque kage contro il redivivo Madara Uchiha, mentre l'ultimo scontro vede contrapposti Naruto Uzumaki e Tobi, controllante le forze portanti resuscitate.

Il finale è stato creato appositamente per il videogioco (in quanto sia il manga sia l'anime sono tuttora in corso di sviluppo), e, come nel secondo capitolo della serie Storm, è disponibile un capitolo extra intitolato "Mangekyo Sharingan Eterno" che vede come protagonista Sasuke Uchiha intento a mettere alla prova i nuovi occhi ottenuti dopo il trapianto di quelli del fratello Itachi, il quale affronta gli Zetsu bianchi posti da Tobi per sorvegliarlo. Tra la parte relativa la conclusione dell'assemblea e l'inizio della grande guerra è stato introdotto anche il capitolo relativo al flashback di Kushina Uzumaki, madre di Naruto, in cui nei panni del Quarto Hokage bisognerà affrontare la Volpe a Nove Code (sotto il controllo dello Sharingan di Tobi) intenta a devastare il Villaggio della Foglia, durante il quale si prende il ruolo di Minato Namikaze, impegnato ad affrontare il responsabile dell'attacco a Konoha.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco contiene 88 personaggi, 7 dei quali utilizzabili soltanto come supporto, e 40 stages.[11]

Personaggi di supporto[modifica | modifica wikitesto]

  • Chojuro
  • Ao
  • Akatsuchi
  • Kurotsuchi
  • Fuu
  • Torune
  • Cee

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uscita giapponese, luglio 2013.
  2. ^ Uscita europea, luglio 2013.
  3. ^ Uscita italiana, luglio 2013.
  4. ^ a b Uscita nel Nord America, età, luglio 2013.
  5. ^ a b c d Scheda tecnica, ottobre 2012.
  6. ^ Uscita europea.
  7. ^ (EN) Dati di vendita a marzo 2013, luglio 2013.
  8. ^ a b Versione "Full Burst", luglio 2013.
  9. ^ Artbook, "Full Burst", luglio 2013.
  10. ^ Una scan conferma la componente hack'n slash
  11. ^ Gameplay e intervista alla Namco Bandai

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]