Narsete il Grande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Narsete
Nerses I il Grande
Nerses I il Grande

Patriarca

Nascita IV secolo
Morte 373
Venerato da Chiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza 19 novembre

Narsete I il Grande, o Narses (... – 373), è stato un patriarca cattolico armeno, catholicos d'Armenia e di tutti gli armeni, considerato santo dalla Chiesa armena e da quella cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Atanagene e di Bambisch, sorella del re Tiran[1]. Appartenente ad una famiglia dell'alta nobiltà armena, i Gregoridi, alla quale era appartenuto anche san Gregorio Illuminatore, sposò a Cesarea Sanducht, una principessa mamiconianea. Rimasto vedovo, fu nominato cavaliere da re Arshak II e, pochi anni più tardi, entrò nella gerarchia ecclesiastica e venne eletto catholicos nel 353.

Il suo patriarcato fu decisamente innovativo per l'Armenia. Fino ad allora infatti la Chiesa armena era stata identificata con la famiglia reale e la nobiltà, mentre Narsete la avvicinò alla credenze e gli usi del popolo armeno. Indetto il concilio di Ashtishat (354), tramite questo fece promulgare numerose leggi riguardanti: il matrimonio, le festività religiose ed il culto divino. Proibì inoltre i matrimoni fra cugini primi e l'uso di mutilazioni ed altri atti estremi per celebrare il lutto.[2] Fece inoltre costruire scuole e ospedali, inviando monaci per tutto il paese a predicare il Vangelo alla popolazione più indigente.

Alcune di queste riforme non furono gradite al re, provocandone la reazione: Narsete fu così esiliato (presumibilmente ad Edessa). Nonostante l'allontanamento forzato continuò ad intrattenere rapporti con il Regno armeno, tanto che si suppone abbia svolto il ruolo di ambasciatore a Costantinopoli per assicurare all'imperatore l'appoggio del regno nella guerra contro i Persiani.[3]

Salita al trono il nuovo re, l'ariano Pap (369), Narsete fu reintegrato nel proprio trono patriarcale. Tuttavia Pap era uomo dissoluto ed il suo comportamento trovò la totale disapprovazione di Narsete che gli proibì l'entrata in chiesa. Pap allora, invitato il catholicos ad un banchetto di riconciliazione, lo fece avvelenare.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Viene venerato come santo dalla Chiesa armena e da quella cattolica, che lo ricorda il 19 novembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P'awstos Buzandac'i, Storia degli armeni, Milano: Mimesis, 1997, ISBN 88-85889-88-3
  2. ^ (EN) David Marshall Lang, Armenia: Cradle of Civilization, Boston, Geoge Allen & Unwin, 1970, p. 160
  3. ^ Secondo la cronaca di P'awstos Buzandac'i (Fausto di Bisanzio), l'imperatore Valente sarebbe stato oltraggiato dalla condanna che Narsete gli fece per aver seguito gli insegnamenti di Ario ed avrebbe fatto mandare Nersete in esilio. (P'awstos Buzandac'i, Storia degli Armeni, Op. cit., p. 147)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Herbermann, Charles, Catholic Encyclopedia, Robert Appleton Company, 1913

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Narsete il Grande in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Catholicos d'Armenia e di tutti gli armeni Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Faren I di Armenia
348 - 352
353 - 373 Sahak I
373 - 377

Controllo di autorità VIAF: 287434344 LCCN: n2003065981