Napoli che non muore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Napoli che non muore
Napolichenonmuore2.jpg
Marie Glory e Fosco Giachetti
Titolo originale Napoli che non muore
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1939
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Amleto Palermi
Soggetto Ernesto Murolo, Amleto Palermi
Sceneggiatura Ernesto Murolo, Jean-Georges Auriol, Amleto Palermi, Cesare Giulio Viola
Produttore Giulio Manenti per la Manenti Film
Distribuzione (Italia) Manenti Film
Fotografia Anchise Brizzi
Montaggio Fernando Tropea
Musiche Alessandro Cicognini
Scenografia Gino Franzi
Interpreti e personaggi

Napoli che non muore è un film del 1939 diretto da Amleto Palermi


Trama[modifica | modifica sorgente]

Una giovane turista francese, in visita alla città di Napoli, si innamora di un ingegnere che le ha fatto da guida durante la sua sosta nel capoluogo partenopeo, i due si sposano e la giovane fa la conoscenza con la famiglia di lui, tutte persone estremamente tradizionali nel modo di vivere e pensare.

Considerato il carattere estroverso della giovane sposa, questo crea grossi problemi nelle relazioni con la famiglia, tanto da costringere la ragazza ad abbandonare il marito per tornare in Francia.

Nel suo paese natale, però la sposa scopre di aspettare un bambino, questo favorirà un riavvicinamento con il marito e la di lui famiglia.

La critica[modifica | modifica sorgente]

Gino Visentini nelle pagine di Cinema del 25 luglio 1939 «In questo film Palermi ha inteso mostrare la Napoli dei turisti e la Napoli vera, quella che in un giorno abbaglia il romantico forestiero e quella più segreta ch'è solo nel cuore dei napoletani»

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema