Napoléon Daru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Napoléon Daru

Napoléon Daru (Parigi, 1 giugno 1807Parigi, 20 febbraio 1890) è stato un politico e militare francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del conte Pierre Daru, studiò al Liceo Louis-le-Grand, all'École polytechnique e alla Scuola militare di applicazione di Metz. Come sottotenente di artiglieria partecipò alla conquista dell'Algeria nel 1830. Sposato con la baronessa Charlotte Le Brun de Plaisance (1820-1895), ebbe tre figlie e un figlio, Pierre Auguste (1843-1872), che morì senza lasciare eredi.

Divenne pari di Francia nel 1833, ufficiale della legion d'onore nel 1840 e deputato dell'Assemblea nazionale nel 1848 e nel 1849. Fu membro dell’Accademia delle scienze morali e politiche nel 1860, deputato del dipartimento della Manche nel 1869 e ministro degli Esteri nel 1870. In questa veste, fu favorevole alla guerra contro la Prussia.

Monarchico, fu eletto all’Assemblea nazionale nel febbraio 1871 e dopo l'esperienza della Comune, fu presidente della commissione d’inchiesta sull’insurrezione. Fu senatore dal 1876 al 1879.

Scritti[modifica | modifica sorgente]

  • Des chemins de fer et de l'application de la loi du 11 juin 1842, (1843)
  • Le comte Beugnot, (1865)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 68918917

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie