Naoki Urasawa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Naoki Urasawa

Naoki Urasawa (浦沢直樹 Urasawa Naoki?) (Fuchū, 2 gennaio 1960) è un fumettista giapponese.

Poco prima di laurearsi alla Meisei University in economia, nel 1982 vince il concorso Shogakukan "New Comic Artist". Ha fatto il suo debutto professionale con il manga Beta!! nel 1983. Tra le sue opere maggiori vanno senza dubbio ricordate Yawara, le raccolte umoristiche Dancing Policeman e NASA - Nippon Amateur Space Association, la lunghissima serie Master Keaton, su testi di Hokusei Katsushika, Monster ed il più recente 20th Century Boys. Dal 2003 lavora a Pluto, manga ambientato nell'universo tezukiano di Astro Boy. Nel 2008, dopo la conclusione di 21st Century boys, inizia un nuovo manga, Billy Bat,[1][2] ambientato in Giappone nel periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale.

Urasawa è autore che predilige senz'altro le trame complesse, ricche di colpi di scena, in cui spicca più la psicologia dei personaggi che non l'azione pura e semplice.

Tre delle sue opere sono state trasposte in anime: Yawara - Jenny la ragazza del judo, Master Keaton e Monster. Happy! è invece diventato un telefilm, mentre da 20th Century Boys a partire dal 2008 è stata tratta una serie di tre film, il cui capitolo finale è uscito il 29 agosto 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Naoki Urasawa, sin da bambino, dimostra di avere una gran passione per i disegni, in particolare per le storie di Osamu Tezuka, tanto che tentava pure di ricopiare alcune tavole tratte dai manga dello stesso autore giapponese. Ed infatti i disegni iniziali di Urasawa erano assai ispirati allo stile di Tezuka, anche se poi il suo tratto andrà pian piano a distinguersi. Sebbene fosse abbastanza talentuoso nel disegno, non intraprese la carriera di mangaka, o comunque di artista, preferendo seguire un corso di Economia all'università[3].

L'inizio della carriera da mangaka[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene avesse deciso di perseguire una carriera lontana dall'arte, Urasawa divenne ben presto un disegnatore, poiché, mostrando qualche tavola allo Shogakukan, aveva scaturito le attenzioni degli editori. Per cui Urasawa si ritroverà a lavorare come mangaka. Come ci testimonia il volume "Urasawa - Gli esordi", una delle prime serializzazioni di Urasawa fu "Beta!!", lontana però dallo stile che assumerà in seguito lo stesso Urasawa. I primi successi arrivarono con serie quali "Il poliziotto canterino" e "Yawara", primo manga spokon realizzato da Urasawa, senza scordare la collaborazione con Kazuya Kudo per la realizzazione di "Pineapple Army", manga sulla guerra e sul post-guerra del Vietnam ed interrotto dopo 8 volumi. Tutte queste serie furono realizzate nella seconda metà degli anni 80, ma nessuna di esse, salvo "Yawara" riscosse successo. Nel 1988, Urasawa intraprende una collaborazione con Hokusei Katsushira per la realizzazione di "Master Keaton", manga che continua ad essere pubblicato fino al 1994. Sia per la collaborazione a "Pineapple Amry" sia per quella di "Master Keaton", ad Urasawa era stato affidato il disegno, fatto che garantì l'evolversi del tratto distintivo di questo celebre mangaka. Nel 1988, Urasawa riuscirà a serializzare una storia propria, "NASA", ma sempre con poco successo.

1993 e 1994: Happy! e Monster[modifica | modifica wikitesto]

Verso gli ultimi anni della produzione di Master Keaton con Katsushira, Urasawa inizierà la serializzazione di due grandi serie di successo: Happy!, iniziata nel 1993, e Monster. Specie grazie a quest'ultima opera, la fama di Urasawa accrebbe assai. La prima opera, uno shonen spokon, nasce sulla scia di Yawara, il primo spokon di Urasawa, ovviamente tentando di migliorare sia lo stile sia la trama, rendendo la storia più matura rispetto a quanto si possa analizzare su Yawara, che ha comunque aiutato Urasawa nella serializzazione di Happy!, incentrato sul tennis. La serie dura sino al 1999, mentre nel 1994 inizia Monster, una delle serie di più successo del mangaka giapponese. Infatti è proprio questo manga a segnare la completa evoluzione di Urasawa, che ha finalmente trovato un proprio tratto ed è diventato in grado di comporre opere particolarmente profonde, riguardo la trama. E proprio grazie al successo, da Monster venne tratta una serie anime di 74 episodi, edita da Madhouse ed ancora inedita in Italia. Nel 1994 inoltre venne realizzato il manga Jigoro!, che però non segue l'onda di successo dei due lavori di Urasawa sul tennis e sulla chirurgia, sebbene si tratti di un sequel di Yawara.

1999-2006: 20th Century Boys[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999, due anni prima del termine di Monster, Urasawa inizia a realizzare un'altra serie manga. Il nuovo seinen prende il nome di 20th Century Boys, e riesce ad ottenere un successo pari a quello di Monster. Questo manga segna nuovamente la carriera di Urasawa, tanto che tale seinen resta finora la serie del mangaka con più tankobon realizzati (ventidue). Dal nuovo manga di Urasawa venne tratta una trilogia di film, il primo dei quali fu realizzato nel 2008, mentre gli altri due lo seguirono l'anno seguente. Inoltre, subito dopo la fine della nuova storia, nel 2006 il mangaka pubblica un sequel, 21st Century Boys, composto di soli 2 tankobon.

2003-2009: Pluto[modifica | modifica wikitesto]

Come detto in precedenza, Urasawa prendeva spesso ispirazione da Osamu Tezuka, ed è proprio da una storia di Astroboy, celebre personaggio di Tezuka, che Urasawa prende ispirazione per la realizzazione di un nuovo manga: "Pluto". Questa serie, infatti, è da considerarsi una vera e propria rivisitazione di una storia di Tetsuwan Atom, il nome originale di Astroboy: la storia in questione è Il più grande robot del mondo. La serie di Pluto tardò ad essere terminata, sebbene la brevità dell'opera, dato che è composta di 8 tankobon.

Progetti in corso: Billy Bat[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008, un anno prima della fine di "Pluto", Urasawa iniziò a comporre un nuovo seinen, "Billy Bat". L'opera, attualmente in corso, è stata accolta molto positivamente dalla critica.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Urasawa è inoltre cantante e chitarrista di una rock band. Sotto il nome d'arte Bob Lennon, ha scritto ed eseguito il brano "Kenji no Uta" ("Canzone di Kenji"), presente in un CD incluso nella prima edizione dell'undicesimo volume di 20th Century Boys. Ha rilasciato il suo singolo di debutto "Tsuki ga Tottemo..." il 4 giugno 2008 e il suo album di debutto Half Century Man nel 2009. Nel 2012 ha eseguito una cover in giapponese di "Girl from the North Country" di Bob Dylan.

Opere[modifica | modifica wikitesto]


Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Billy Bat, il nuovo manga di Naoki Urasawa (20th Century Boys, Pluto), www.animeclick.it, consultato il 18-11-2008.
  2. ^ Billy Bat: anteprima tavole a colori dal nuovo manga di Urasawa, www.animeclick.it, consultato il 18-11-2008.
  3. ^ http://obluda.wikia.com/wiki/Naoki_Urasawa

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 116864804 LCCN: nr96035371